rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
La decisione

Riforma dei consorzi di bonifica, Tar Sicilia boccia ricorso

I giudici amministrativi hanno confermato la legittimità dell'accorpamento

I giudici del tribunale amministrativo hanno respinto il ricorso contro la riforma dei consorzi di bonifica. Nel 2017, il legislatore regionale siciliano a distanza di ben 17 anni dall'istituzione dei consorzi di bonifica, ha ridisegnato gli ambiti territoriali di operatività  accorpando gli 11 Consorzi esistenti in due macrostrutture: il consorzio di bonifica Sicilia occidentale e orientale. I dirigenti e i capi di settore del consorzio di bonifica 3 di Agrigento, tra cui l'Ingegnere Pieralberto Guarino, hanno fatto ricorso al Tar Sicilia.

I due consorzi di bonifica accorpati si sono costituiti in giudizio assistiti dall'avvocato Girolamo Rubino per il consorzio della Sicilia occidentale e per quello orientale dall'avvocato Giuseppe Ribaudo. I due avvocati difensori hanno sostenuto la legittimità della riforma e che i dirigenti del consorzio di Agrigento "non avrebbero potuto considerarsi titolari di alcun interesse ad agire,  non avendo subito alcuna modifica della loro posizione giuridica ed economica in ragione dell'avvenuto accorpamento dei vari consorzi". I giudici amministrativi accogliendo le tesi degli avvocati hanno respinto il ricorso confermando la legittimità dell'accorpamento dei vari consorzi di bonifica siciliani. I promotori del ricorso sono stati condannati a pagare le spese processuali. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riforma dei consorzi di bonifica, Tar Sicilia boccia ricorso

AgrigentoNotizie è in caricamento