Siculiana, cittadini al Consiglio comunale: "Non vogliamo diventare la nuova Lampedusa"

Una riunione che ha visto momento "accesi" e carichi di rabbia, ma anche di critica contro l'Amministrazione comunale per l'immobilismo dinnanzi al problema dell'immigrazione e a quello di una nuova discarica che sta aprendo i battenti

Il Consiglio comunale al Centro sociale di Siculiana

Un documento che raccoglie lamentele, paure e criticità del paese, da presentare a tutti gli organi competenti, dal prefetto al ministro dell'Interno. E' quanto deciso ieri sera al termine del Consiglio comunale aperto alla cittadinanza del Comune di Siculiana. L'assise cittadina, che per motivi di spazio si è tenuta al Centro sociale del paese, ha visto la partecipazione di numerosi siculianesi, stanchi e impauriti delle condizioni del paese in seguito all'apertura del centro d'accoglienza per migranti nell'ex hotel "Villa Sikania".

Interventi pieni di rabbia e di paura, scanditi da proposte da presentare alle autorità competenti, per scongiurare principalmente il contagio da malattie infettive, di cui tanto si è sentito parlare nelle ultime settimane.

"I nostri bambini non giocano più nelle villette, – hanno detto alcuni genitori, intervenendo al Consiglio comunale – abbiamo paura di stare nei parchi e di sederci nelle panchine. Non siamo razzisti, siamo solo impauriti da questa situazione". "State sereni, neanche noi vogliamo che Siculiana diventi la nuova Lampedusa" ha risposto il sindaco, Mariella Bruno.

La principale proposta nata dall'incontro di ieri è quella di chiedere la riduzione del numero di migranti da ospitare a "Villa Sikania", ma anche l'istituzione di una zona franca e di fondi compensativi per abitanti e territorio di Siculiana. Dopodiché è stata proposta anche un'azione legale dinnanzi il Tribunale amministrativo regionale, per impugnare l'autorizzazione concessa ai titolari della struttura di accoglienza "perché – spiegavano i consiglieri comunali di Siculiana – in contrasto con l'indirizzo turistico programmato dall'Amministrazione comunale".

Una riunione che ha visto momento "accesi" e carichi di rabbia, ma anche di critica contro l'Amministrazione comunale per l'immobilismo dinnanzi al problema dell'immigrazione e a quello di una nuova discarica che sta aprendo i battenti a poche centinaia di metri dal centro abitato. "Dopo essere stati conosciuti come paese dell'immondizia, adesso saremo anche il paese dei migranti. E intanto l'economia muore" urlava un cittadino intervenuto al Consiglio. L'assise si è poi conclusa con la votazione e la successiva approvazione del documento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in viale Emporium, auto contro scooter: quattro feriti e un morto

  • Accusa un malore e si accascia, tragedia in città: muore un 35enne

  • La pistola illegale carica trovata nel negozio di Pelonero, tre indagati

  • Coronavirus, l'incubo non è finito: donna positiva al tampone

  • Il Coronavirus spaventa ancora, Musumeci e Razza: "Se contagi salgono si chiude"

  • Posti vacanti all'Asp, si cercano figure: Sos operatori socio sanitari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento