Mercoledì, 12 Maggio 2021
Cronaca

Licata, cerimonia di consegna scaffali per "Archivio Cannarella"

La cerimonia si è tenuta in un'ala del convento di San Francesco, adibita a sede del "Fondo Antico". A tagliare il nastro inaugurale è stata la la presidente dell'associazione, Mariolina Bafumo

La cerimonia di consegna degli scaffali donati al "Fondo antico"

Nel corso di una breve cerimonia, alla quale in rappresentanza del Comune hanno partecipato il presidente del Consiglio comunale, Saverio Platamone, e il direttore della biblioteca, Riccardo Florio, i componenti dell’'associazione “Spazio Libero”, hanno ufficialmente consegnato i due scaffali donati al "Fondo Antico" in cui ospitare parte dei 500 faldoni facenti parte dell’"Archivio Cannarella", ricco di documenti che raccolgono la storia della città di Licata dal 1396 al periodo della Seconda Guerra Mondiale.

La cerimonia si è tenuta in un’ala del convento di San Francesco, adibita a sede del "Fondo Antico". A tagliare il nastro inaugurale è stata la la presidente dell’associazione, Mariolina Bafumo.

"Abbiamo voluto donare alla città questi due scaffali, acquistati con fondi raccolti volontariamente tra la popolazione, ed anche grazie al contributo delle vecchie glorie del Licata calcio, che si sono resi protagonisti di un torneo amichevole con rappresentanti delle forze dell’ordine presenti a Licata. Il tutto in segno di amore per questa nostra terra e per l’importante settore della cultura" ha spiegato Mariolina Bafumo.

"Come presidente del Consiglio – ha detto Saverio Platamone – desidero ringraziare ed elogiare i soci dell’associalzione “Spazio Libero” non solo per il dono fatto alla città, ma soprattutto per il grande esempio dato per la crescita civile e culturale della nostra gente. Un esempio sicuramente da imitare da parte di quanti hanno a cuore le sorti di Licata, intervenendo anche in altri settori".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Licata, cerimonia di consegna scaffali per "Archivio Cannarella"

AgrigentoNotizie è in caricamento