Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Giornata della memoria", il prefetto: "Indifferenza e violenze sui deboli continuano ad esserci”

Nella giornata che ricorda la liberazione di Auschwitz, il prefetto punta l’indice sulle similitudini fra il mondo degli orrori commessi nei lager nazisti e l'insensibilità dimostrata a Licata con le torture ai disabili

 

“Questa è una giornata legata al ricordo della liberazione del campo di concentramento di Auschwitz e in quel momento è venuto fuori tutto quello che era successo. Il mondo, forse, si era girato dall’altra parte”. Così dai microfoni di AgrigentoNotizie, ha parlato il prefetto di Agrigento a margine della c consegna delle medaglie d’onore del capo dello Stato alla memoria di Nicolò Miliziano e Giuseppe Turco, entrambi deportati nei campi di prigionia nazisti.

"Giorno della memoria", ecco a chi sono state conferite le medaglie d'onore
Giorno della memoria", ecco a chi sono state conferite le medaglie d'onore

 

Potrebbe interessarti: https://www.agrigentonotizie.it/cronaca/deportati-agrigento-medaglie-onore-memoria-prefettura-consegna.html

Il prefetto di Agrigento ha contestualizzato, l’indifferenza dell’uomo sugli orrori del genocidio, al grave episodio di violenze sui disabili avvenuto a Licata.  “Qualche volta – dice il prefetto Cocciufa – il mondo continua a girarsi dall’altra parte, i fatti che sono stati scoperti ieri, non sono avulse dal contesto odierno e sono il segnale – aggiunge il prefetto di Agrigento – che purtroppo l’intolleranza e la violenza del più forte verso i deboli è una pratica diffusa anche nella nostra realtà”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento