Cronaca

Tirocini formativi, domande alla sede di Confesercenti Sicilia

Partono lunedì mattina 15 giugno i tirocini formativi programmati all’interno della collaborazione tra la Confesercenti Sicilia e il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali nell’ambito dell’intesa con Confesercenti nazionale

Partono lunedì mattina 15 giugno i tirocini formativi programmati all’interno della collaborazione tra la Confesercenti Sicilia e il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali nell’ambito dell’intesa con Confesercenti nazionale. L’obiettivo è quello di mirare a promuovere azioni concrete a sostegno dell’occupazione giovanile nell’ambito del Piano Nazionale Garanzia Giovani.

I tirocini saranno svolti presso le aziende che hanno manifestato la disponibilità ad ospitare i giovani di età dai 18 ai 29 anni. L’avvio dei tirocini è stato preceduto da uno specifico percorso di natura informativa teso a fornire notizie sia alle aziende che ai giovani sulle opportunità previste dal piano Garanzia Giovani. Inoltre si è avuta la pubblicazione, sul portale regionale, delle offerte di lavoro, apprendistato e tirocinio proposte dalle aziende aderenti all’organizzazione di categoria.

La Confesercenti Area Sicilia Centro Meridionale, diretta da Massimo Giudice, assiste infatti le aziende che vogliono attivare i tirocini. E’ sufficiente presentare la domanda presso le sedi provinciali di Ragusa, Agrigento e Caltanissetta. Il tirocinio formativo è un’esperienza di formazione professionale presso un luogo di lavoro. Non costituisce rapporto di lavoro e il tirocinante mantiene lo stato di disoccupazione. I tirocini hanno la durata massima di sei mesi.

Per i soggetti disabili di cui alla legge 68/99 e delle persone svantaggiate ai sensi della legge 381/91 la durata è di dodici mesi. Possono ospitare i tirocinanti tutti i datori di lavoro pubblici o privati di tutti i settori anche se privi di dipendenti, che siano in regola con le normative di sicurezza sul lavoro, che rispettino le norme relative al diritto di lavoro per disabili, che non abbiamo effettuato licenziamenti della stessa unità operativa per attività equivalenti a quelle del tirocinio nei dodici mesi precedenti, e che non abbiano in atto per la stessa unità lavorativa procedure di cassaintegrazione.

L’azienda deve assicurare i tirocinanti contro gli infortuni sul lavoro (Inail) per la responsabilità civile. A ciascuno di loro spetterà un’indennità di 500 euro lordi mensili che sarà corrisposta direttamente dall’Inps.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tirocini formativi, domande alla sede di Confesercenti Sicilia

AgrigentoNotizie è in caricamento