Conferimento dei rifiuti, M5S: "Nessuna risposta dall'amministrazione"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

"Siamo ormai abituati ad un silenzio che contraddistingue il nostro primo cittadino e tutta la giunta comunale, ma la questione rifiuti e le dichiarazioni della ditta Catanzaro lasciano ancora aperte delle ferite e molto preoccupati i cittadini di Canicattì. Vogliamo ricapitolare brevemente quanto accaduto durante l’emergenza rifiuti e che ci ha spinti a chiedere chiarimenti all’amministrazione con un interrogazione Consiliare (https://www.movimento5stellecanicatti.it/2018/07/12/interrogazione-emergenza-rifiuti-e-dichiarazioni-ditta-catanzaro/).

Il sindaco ha avuto un incontro con il Prefetto a cui ha partecipato anche il vertice della ditta Catanzaro (ditta che gestisce la discarica di Siculiana/Monteallegro).

Dopo l'incontro il sindaco esce dal silenzio e comunica che la Ditta non ci permette di conferire presso la propria discarica per via di debiti pregressi (900 mila euro circa).

La Ditta Catanzaro, con una dichiarazione diffusa a mezzo stampa, contraddice nettamente le giustificazioni del Sindaco. Infatti Catanzaro affermava: 
…..“ La motivazione non va ricercata in aspetti economici e finanziari, ma nella corretta pretesa della formalizzazione di atti legittimi , secondo quanto previsto dalla legge.” …..
…. non abbiamo posto pregiudizi a riprendere i rapporti, dimostrandoci ampiamente disponibili a rateizzare gli ingenti crediti da noi vantati.
…. dagli uffici del Comune con ripercussioni sul controllo della situazione gestionale, che pongono il Comune di Canicattì al di fuori di un quadro di liceità e di “buona fede”, minando la governabilità dei propri conti…..

Se tutto ciò dovesse corrispondere a verità , verrebbe meno la credibilità di chi ci amministra e di chi dovrebbe assicurare la trasparenza e la legalità, affermazioni molto gravi che ancora ad oggi non sono state smentite dal nostro sindaco. Apprendiamo dalla cronaca che la persona di Catanzaro è molto discussa in questo periodo per via di intricate questioni politico-giudiziarie. 

Ma quella stessa credibilità è comunque minata dal fatto che il sindaco ha mentito durante l’emergenza rifiuti, dicendo che non potevamo conferire a Siculiana perché c’era un divieto di conferimento temporaneo dettato con ordinanza Musumeci numero 2. Nel frattempo il Comune ha conferito presso le discariche Traina e Marco Polo. Adesso conferiremo a Lentini con cui, si dice, abbiamo già dei debiti pregressi.
Tutto ciò è stato espresso in un interrogazione protocollata l’11 Giugno (https://www.movimento5stellecanicatti.it/2018/07/12/interrogazione-emergenza-rifiuti-e-dichiarazioni-ditta-catanzaro/), a cui ad oggi, 12 Luglio, non abbiamo ricevuto risposta dall’assessore competente e dall’Amministrazione Di Ventura.

Siamo molto preoccupati di quanto è accaduto dietro le quinte dell’emergenza rifiuti avvenuta mesi fa, ma che potrebbe tornare già dopo l’estate. 

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento