rotate-mobile
Venerdì, 7 Ottobre 2022
Cronaca

Sagra del Mandorlo in fiore: organizza il Distretto turistico Valle dei templi

Il Distretto ha ottenuto il decreto di riconoscimento dall'Assessorato regionale. Tra le iniziative, l'organnizazzione dell'evento folkloristico. Camera di Commercio: "E' l'ultima occasione che abbiamo per sviluppare il turismo"

L'evento più celebre della città di Agrigento, la Sagra del Mandorlo in Fiore, che tanto fa discutere ogni anno, dando di che parlare ai cittadini sempre più insoddisfatti di una Sagra "last minute", potrebbe vivere il momento decisivo di svolta.

L'organizzazione dell'evento folkloristico, a partire da quest'anno, verrà infatti affidata al Distretto turistico Valle dei Templi, il quale ha ottenuto il riconoscimento per mezzo del decreto assessoriale della Regione, "segnando una pagina importante per la nostra città", per dirla con le parole del sindaco Marco Zambuto.

Giovedì scorso l'amministratore del Distretto, Gaetano Pendolino, ha ottenuto il riconoscimento del Distretto turistico da parte della Regione che consentirà all'ente di ricevere finanziamenti riservati e di entrare a far parte a pieno titolo della "governance" della città curandone il profilo turistico - economico. "Il Distretto ci permetterà di mettere in atto un piano di sviluppo economico", continua il sindaco il quale si mostra soddisfatto e forse anche un po' sollevato ora che il fardello dell'organizzazione della Sagra graverà meno sulle spalle dell'Amministrazione comunale.

 

La confrenza di questa mattina

 

Già il prossimo mese verrà indetto un bando di concorso per la presentazione dei progetti relativi all'oragizzazione della Sagra del Mandorlo in Fiore. Entro la metà di agosto verrà individuato il progetto vincitore e successivamente si provvederà all'affidamento dell'incarico. Il progetto verrà finanziato in parte, come di consueto, dall'Amministrazione comunale con le risorse finanziarie previste nel Peg; l'altra parte dai privati. Entro settembre il progetto dovrà essere pronto.

Che ciò possa sancire davvero la fine di una lunga tradizione legata a una scadente Sagra? Staremo a vedere. "Probabilmente questa è l'ultima occasione che abbiamo. Tocchiamo finalmente con mano quella che può essere l'idea di turismo per questa città" dice dal canto suo Vittorio Messina, presidente della Camera di Commercio di Agrigento (ente socio del Distretto turistico Valle dei Templi). Il decreto di riconoscimento infatti consentirà al Distretto di poter agire in autonomia, attraverso i bandi di finanziamento, che, come spiega Pendolino, verranno investiti nel potenziamento del sistema di rete, nella promozione del territorio, nelle nuove tecnologie.

Tra le varie iniziative del Distretto - che annovera fra i propri soci 16 comuni, l'Ente Parco archeologico, il Polo universitario, il Museo e la Biblioteca Pirandello, la Provincia regionale di Caltanissetta ed altri -, emerge la realizzazione della "Vetrina degli Eventi", un progetto che mira alla promozione dei principali eventi di ogni Comune socio; il "Laboratorio per lo sviluppo"; il "Villaggio delle sagre"; segnaletica ed informazione turistica distrettuale.

(dbr)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sagra del Mandorlo in fiore: organizza il Distretto turistico Valle dei templi

AgrigentoNotizie è in caricamento