Confcommercio, decreto sicurezza: Evitare inutili demagogie e garantire sicurezza

L'intervento del presidente regionale Francesco Picarella: "Polemiche sterili per finalità elettorali"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Riteniamo che la polemica innescata sulla disobbedienza normativa da alcuni sindaci siciliani, nei confronti del decreto sicurezza, sia assolutamente strumentale ed orientata verso quella ricerca di consenso sterile che serve per un titolo in più sul giornale. Non entrando nel merito della legittimità costituzionale del decreto, a totale giudizio della Corte Costituzionale, qualora venisse investita del giudizio di merito, tutte le imprese siciliane chiedono a gran voce legalità e sicurezza per le proprie aziende e per i propri collaboratori, nel rispetto di leggi e regolamenti che sono principio fondamentale del vivere civile. Il tessuto produttivo siciliano ha subito spesse volte in maniera inerme l’assoggettamento mafioso, il racket delle estorsioni, il pizzo, la concorrenza sleale, l’abusivismo commerciale, l’immigrazione incontrollata; tutti argomenti che adesso in qualche modo vengono trattati e normati. Un decreto che sicuramente potrà avere dei difetti, d’altra parte non esiste uomo che non abbia difetti e faccia errori, e gli errori vengono fatti da chi vuol fare qualcosa, perché solo a parole non si progredisce. Quello che il mondo delle imprese siciliane chiede alle amministrazioni è di fare e correggere qualora ve ne fosse il bisogno, ma fare di ogni argomento sterile demagogia ci siamo stancati.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento