Mercoledì, 19 Maggio 2021
Cronaca

Tangenti al Comune di Lampedusa, in Corte d'Appello condanna a 7 anni per l'ex sindaco De Rubeis

Due anni in più rispetto al primo grado: è quanto stabilito dalla sentenza della Corte d'Appello di Palermo che condanna l'ex sindaco di Lampedusa, Bernardino De Rubeis, a 7 anni e 3 mesi di reclusione

Due anni in più rispetto al primo grado: è quanto stabilito dalla sentenza della Corte d'Appello di Palermo che condanna l'ex sindaco di Lampedusa, Bernardino De Rubeis, a 7 anni e 3 mesi di reclusione.

Secondo l'accusa, infatti, avrebbe "costretto" alcuni impreditori a pagate delle "mazzette" per facilitare loro la riscossione di crediti vantati nei confronti dell'Ente comunale e per una concesione edilizia finalizata alla costruzione di un complesso turistico. Durante le indagini svolte dalla Guardia di finanza di Agrigento, furono registrate anche delle immagini che filmavano ciò che pareva essere la consegna di "mazzette" all'interno dell'ufficio tecnico comunale.

A firmare la richiesta di appello era stato il procuratore aggiunto Ignazio Fonzo: la richiesta era stata condivisa dal procuratore generale Luigi Patronaggio. Nel corso della stessa udienza, i giudici hanno condannato a un anno l'ex capo dell'ufficio tecnico Alfonso Averna (pena sospesa), e assolto l'ex direttore generale del Comune di Lampedusa, Salvatore Caffo.

Accolta, inoltre, la costituzione in giudizio degli imprenditori Sergio Vella e Massimo Campione, così come di Confindustria Agrigento che chiedono un risarcimento danni da quantificare in sede civile.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tangenti al Comune di Lampedusa, in Corte d'Appello condanna a 7 anni per l'ex sindaco De Rubeis

AgrigentoNotizie è in caricamento