Martedì, 23 Luglio 2024
L'appello

Incertezza sul futuro delle concessioni balneari, Niesi (Sib): "Privati garantiscono servizio pubblico"

Ancora oggi non è stato sciolto il nodo sul rinnovo degli affidamenti

"I lidi balneari, oltre a servizi di eccellenza per i propri clienti, erogano tutta una serie di servizi a disposizione del più ampio pubblico che frequenta le spiagge. Tali servizi adesso sono messi a rischio dall’incertezza sulle concessioni balneari. E con l'inizio dell'estate e le spiagge affollate, la pulizia e la sicurezza del servizio di salvamento, sono garantiti solo laddove sono attivi gli stabilimenti balneari".

A dichiaralro in una nota è Gero Niesi, delegato del Sib di Confcommercio Agrigento. 

"Spesso chi racconta il mondo dei lidi balneari, lo fa in modo parziale e distorto, tralasciando quegli aspetti che vanno a vantaggio dell’intera collettività e che invece dovrebbero essere sempre evidenziati, evitando discorsi superficiali e ingiustamente fuorvianti - continua Niesi -. I concessionari di spiagge affrontano molte spese, che sono obbligatorie e specifiche solo di questo settore e che, spesso, riguardano servizi che vanno a beneficio dell'intera collettività, svolti in maniera esemplare al posto delle amministrazioni comunali. Basti pensare, come detto, alla pulizia delle spiagge e alla sporcizia che connota molte spiagge libere, distanti dalle concessioni demaniali. Oltre alla pulizia, un altro servizio pubblico che i balneari svolgono a favore di tutta la collettività è quello del salvamento. Anche in questo caso, si tratta di un obbligo di legge: per poter avere la spiaggia in concessione, il gestore deve farsi carico anche delle spese per il servizio di salvataggio, che sono molto importanti dal momento che richiedono un personale altamente qualificato, in grado cioè di effettuare il soccorso in mare, praticare la rianimazione e utilizzare il defibrillatore. E se una persona corre il pericolo di annegare, il bagnino di salvataggio la soccorre a prescindere dal fatto che si tratti di un cliente dello stabilimento balneare oppure di un frequentatore della spiaggia libera adiacente".

"Oggi - conclude il delegato del Sib - l’incertezza sulle concessioni balneari, mette a rischio proprio questi servizi pubblici, che rischiano di scomparire al pari degli stabilimenti balneari. Stiamo per dire addio a un'eccellenza assoluta. Gli imprenditori balneari, con competenza, esperienza e professionalità riescono a garantire una gestione ottimale delle spiagge".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incertezza sul futuro delle concessioni balneari, Niesi (Sib): "Privati garantiscono servizio pubblico"
AgrigentoNotizie è in caricamento