Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

"Il Comune non concesse l'accesso agli atti ad una ditta", il Tar accoglie ricorso

A rivolgersi alla giustizia amministrativa è stata la "Ecoface", che era beneficiaria di una convenzione per la gestione del rifiuto riciclato

Il Comune non ha fornito le documentazioni richieste da una ditta per una procedura di affidamento del servizio di recupero delle materie prodotte con la raccolta differenziata, il Tar condanna il Municipio e intima a garantire piena trasparenza al privato.

Oggetto del contendere è una convenzione stipulata tra la società “Ecoface” e l’Ente nel lontano 2018 per la “valorizzazione dei materiali da raccolta differenziata”, avente, dice la ditta, “validità di un anno con rinnovo, salvo disdetta da trasmettersi almeno tre mesi prima della scadenza prevista per ogni rinnovo contrattuale”. Una disdetta che non è mai arrivata sebbene, il 17 luglio 2019, il Municipio ha proceduto a revocare la delega già concessa in favore dell’impresa per la raccolta e consegna dei rifiuti.

Così l’impresa ha chiesto copia di tutti gli atti collegati alla decisione presa dal Comune, senza però mai riuscire ad ottenerla. Così il Tar, se ha ritenuto che una parte delle richieste del privato siano state superate da un atto formale del Municipio che però solo nel novembre 2019 revocherà l’accordo con la “Ecoface”, dall’altro intima al Comune di Porto Empedocle di “assicurare alla ricorrente l’accesso ai suddetti atti,  ovviamente ove esistenti e già formati” e garantire “l’esibizione della residua documentazione richiesta, entro il termine di quindici giorni dalla notificazione a cura di parte della presente sentenza”.

Qualora questo nuovo termine non dovesse essere rispettato, la società potrebbe nuovamente ricorrere al tribunale amministrativo ottenendo potenzialmente anche un commissario ad acta per il pieno rispetto della trasparenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il Comune non concesse l'accesso agli atti ad una ditta", il Tar accoglie ricorso

AgrigentoNotizie è in caricamento