"Fu legittimo il diniego opposto alla richiesta di sanatoria", Cga da ragione al Comune di Montallegro

Confermato anche in secondo grado il giudizio espresso già dal Tribunale amministrativo: cittadino condannato a pagare le spese legali

Il cga

Il fabbricato è abusivo, legittimo il diniego della concessione edilizia da parte del Comune. A deciderlo i giudici del Cga, che hanno respinto il ricorso presentato da un sessantenne di Montallegro, il quale aveva appunto realizzato - in assenza di concessione edilizia, un cambio di destinazione d'uso, da fabbricato rurale a civile abitazione e ampliamento dello stesso, su un fabbricato, sito in contrada Vizzì, in relazione al quale, nell’ottobre 1994, il Comune di Montallegro aveva rilasciato la concessione edilizia. Nel 2013, alla morte del genitore, l'uomo, nella qualità di comproprietario ed erede dei lotti di terreno interessati e del fabbricato in questione aveva chiesto il rilascio della concessione in sanatoria per le opere abusive realizzate, ottenendo però il "no" da parte del Comune anche a causa dell'assenza di una serie di certificazioni essendo un terreno con più proprietari. 

Il privato ha quindi impugnato il provvedimento dinnanzi al Tar prima e al Cga dopo. Il Municipio, difeso dall'avvocato Girolamo Rubino, ha ribadito la correttezza del proprio operato, che è stata confermata dai giudici amministrativi anche in secondo grado, riconoscendo "l’assenza di alcun obbligo, in capo al Comune, di rispondere ulteriormente al destinatario del provvedimento considerato che, a fronte di espressa richiesta istruttoria, nessun contributo documentale era stato offerto all’esame dell’Ente locale. Per altro verso, i giudici amministrativi hanno riconosciuto la piena legittimità del provvedimento di diniego impugnato richiamando sul punto la prevalente giurisprudenza secondo cui nessuna sanatoria (a prescindere dalla verifica in concreto degli altri presupposti per il suo rilascio) può essere accordata senza il consenso degli altri comproprietari in caso di opere che vadano ad incidere su loro diritti".

Il Comune ha ottenuto anche il diritto ad incassare il pagamento delle spese legali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Paura e contagi fuori controllo nell'Agrigentino, Cuffaro sbotta: "La verità? Siamo in mano a nessuno"

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus, i positivi continuano ad aumentare: chiuse piazze e vie e stop alle scuole

  • Incidente sulla statale 115: violento scontro frontale fra auto, due feriti in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento