menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una veduta di palazzo dei Giganti

Una veduta di palazzo dei Giganti

Palazzo dei Giganti, senza le misure correttive sarà dissesto

Lo ha dichiarato il sindaco nei giorni scorsi durante i lavori della commissione bilancio. Dello stesso parere i revisori dei conti, i quali hanno ricordato i rischi anche per i consiglieri comunali

Comune di Agrigento, senza le misure correttive il destino è il dissesto finanziario.

Ad affermarlo è stato nei giorni scorsi il sindaco di Agrigento Lillo Firetto, ascoltato dalla commissione bilancio insieme ai revisori dei conti. La seduta verteva, appunto, sulle misure correttive approvate dalla giunta comunale nelle scorse settimane e rispetto alle quali l’organo di revisione contabile aveva espresso delle riserve, auspicando che quanto programmato si possa concretamente tradurre in provvedimenti operativi al fine, appunto, di salvare l’ente.

Di fronte alle valutazioni dei consiglieri comunali, il primo cittadino ha tagliato corto. “Se oggi non si approvano le misure correttive – riporta il verbale seduta della - l'esito prevedibile sarà l'avvio della procedura di dissesto.. Non è detto che l'ente si salvi, ma si sono messi in piedi una serie di azioni di efficientamento dimostrabili da parte della Giunta, e il Consiglio a mio parere dovrà fare la stessa cosa”. Insomma, indipendentemente da come andrà a finire, aver tentato quantomeno di evitare il default avrà un'utilità diretta per scongiurare eventuali chiamate in giudizio per responsabilità erariale da parte della Corte dei Conti. Una linea sulla quale c'è la condivisione anche da parte dei revisori: “bisogna capire quali sono gli effetti di ciò che non si fa e di ciò che eventualmente potrebbe succedere – dichiarano - perché se il Comune va in dissesto è chiaro che ci saranno degli effetti, anche nei confronti dei consiglieri comunali”.

Il dissesto, o il ricorso ad un piano di riequilibrio finanziario, oggi non sono possibilità immediatamente perseguibili: c’è appunto la possibilità ancora di rinviare questa sorte.

Le misure correttive arriveranno in aula “Sollano” nelle prossime settimane.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento