rotate-mobile
La polemica

Concertone di Capodanno, c'è chi vuole chiarezza sui costi: presentata interrogazione

Se da settimane non cessano le richieste del Codacons, adesso la vicenda approderà anche in Consiglio comunale

Sarà la straordinaria attenzione mediatica di questi giorni sul connubio Fratelli d'Italia alla Regione (e non solo) e le somme spese per il turismo, saranno le innumerevoli  - quasi giornaliere - sollecitazioni che giungono dal Codacons provinciale, ma la provenienza, l'utilizzo e la gestione dei fondi utilizzati per il capodanno Agrigentino (parte finale del cosiddetto #DestinazioneAgrigento) non potevano non stimolare il dibattito politico in città. 

Quanto avvenuto in questi due mesi circa, infatti, sarà infatti oggetto di trattazione in Consiglio comunale a "bocce ferme", ora che le somme sono state tutte stanziate e in parte già spese per pagare artisti, fornitori, tecnici e tutti coloro che sono stati coinvolti (con quali procedure pubbliche?) nella realizzazione degli eventi.

A chiedere chiarezza attraverso una interrogazione da discutere in aula "Sollano" sono l'ex sindaco Lillo Firetto e la consigliera comunale Margherita Brucculeri. "Si interroga - dice il testo della richiesta - per conoscere il costo complessivo dettagliato per voci di costo del concerto di fine anno, si chiede altresi di conoscere le relative fonti di finanziamento. Elenco dei fornitori che a vario titolo hanno contratto".

Non è chiaro se analoga richiesta sarà avanzata per tutti gli altri eventi di #DestinazioneAgrigento, che sono stati finanziati tutti con soldi pubblici: o provenienti dalla Regione o dall'imposta di soggiorno. 

A chiedere da tempo chiarezza, come anticipato, è stato il responsabile del dipartimento trasparenza enti locali di Codacons Giuseppe Di Rosa.

"Una città allo sbando, una città dove nessuno dei servizi essenziali viene più garantito - dice - una città che non ha bagni pubblici ne servizi al turismo, si può permettere di spendere dall’imposta di soggiorno ben 301mila euro per festeggiamenti collaterali al grande concerto di fine anno che si dice sia costato oltre 300.000 euro? Ad Agrigento, il sindaco concede finanziamenti senza nessun bando alla Fondazione Teatro Pirandello ed al Distretto turistico (il sindaco ne è presidente) utilizzando i festeggiamenti come mezzo di distrazione di massa per far scordare alla città i problemi di disamministrazione creati dalla sua giunta. Codacons - conclude - chiede che vengano rendicontate le spese e che vengano pubblicati i dettagli della spesa sostenuta ed i relativi rendiconti". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concertone di Capodanno, c'è chi vuole chiarezza sui costi: presentata interrogazione

AgrigentoNotizie è in caricamento