Invalidità civile, l'Asp corre ai ripari dopo la denuncia della Cgil

Buscemi: "L’Asp ha riconosciuto il grave ritardo, impegnandosi ad aumentare il numero delle commissioni e delle sedute per arrivare a fine anno con l’azzeramento degli arretrati"

(foto archivio)

Invalidità civile, l'Asp riconosce il ritardo e si impegna - stando a quanto è stato reso noto dalla Cgil - ad aumentare il numero delle commissioni e delle sedute per arrivare a fine anno all'azzeramento degli arretrati. 

Nei giorni scorsi, durante i lavori del convegno, tenutosi in occasione del 75esimo anniversario del patronato Inca-Cgil, era stato il segretario generale del sindacato agrigentino, Alfonso Buscemi, in presenza del commissario Zappia, a sollevare il problema dei gravi ritardi, a volte superiori anche ad un anno dalla presentazione dell’istanza, con cui le commissioni provinciali operano l’accertamento delle invalidità civili.

"In quell’occasione, il commissario si era impegnato ad incontrare i vertici del sindacato per discutere sulla problematica sollevata. L’incontro si è tenuto stamane - hanno reso noto dalla Cgil - .  Insieme a Zappia vi era Ercole Marchica mentre ad accompagnare Alfonso Buscemi per la Cgil erano presenti Franco Gangemi ed Antonio Cutugno".  

"L’Asp ha riconosciuto il grave ritardo, impegnandosi ad aumentare il numero delle commissioni e delle sedute per arrivare a fine anno con l’azzeramento degli arretrati per poi mettere a regime l’ordinario e dare, di conseguenza, risposte concrete, nei termini di legge e di buon senso, a quei cittadini, sfortunati, che necessitano di ottenere il riconoscimento dei propri diritti" - ha concluso Alfonso Buscemi - .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

  • Covid-19, il virus torna a tenere sotto scacco Canicattì: un morto e 35 nuovi positivi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento