menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il commissario Mauro Verace

Il commissario Mauro Verace

Prg, il commissario Verace: "Verificherò regolarità degli atti"

Il funzionario regionale: "Il Consiglio è già esautorato della sua funzione per questa procedura". Sull'inchiesta giudiziaria: "Ho una riunione con il dirigente generale e l'assessore per capire come procedere"

Il Consiglio comunale di Agrigento non dovrà esprimersi sulle linee guida per le prescrizioni esecutive del Piano Regolatore Generale al centro dell’inchiesta della Procura della Repubblica che indaga per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione

A confermarlo è l’ingegnere Mauro Verace, ieri nominato ufficialmente commissario ad acta dall’Assessorato regionale Territorio e Ambiente. Sarà lui, infatti, a dovere esaminare e successivamente decidere sul futuro dei 5 ambiti territoriali dove è stata prevista l’espansione edilizia ed urbanistica di Agrigento attraverso insediamenti di tipo residenziale, direzionale, commerciale e turistico-ricettivo. 

I consiglieri comunali (che avevano annunciato le dimissioni solo dopo la votazione dei punti all’ordine del giorno ancora sotto sequestro da parte della magistratura) non dovranno prendere alcuna decisione. «Il decreto di nomina prevede la sostituzione del Consiglio comunale - sottolinea il commissario ad acta, Mauro Verace - pertanto il Consiglio è già esautorato della sua funzione per questa procedura».

Un compito estremamente gravoso quello che passa adesso, in piena bufera giudiziaria, nelle mani del funzionario dell’Assessorato Territorio e Ambiente. Ed è proprio lo stesso Mauro Verace a sottolineare che la sua analisi sarà attenta a ogni dettaglio: «Chiaramente prima di adottare qualunque provvedimento dovrò esaminare gli atti e capire se sono completi, se sono regolari. Sostituirò il Consiglio comunale ma dovrò anche fare un’attività preliminare per verificare la correttezza degli atti». 

Nel loro complesso, gli ambiti interessati dalle prescrizioni esecutive redatte dall'Ufficio tecnico comunale riguardano una superficie totale di circa 200 ettari e un’edificabilità di circa 1.660.000 metri. La loro approvazione consentirebbe la realizzazione da parte dei privati, di immobili sotto forma di lottizzazione. Un evidente giro di investimenti oggi sotto la lente d'ingrandimento della magistratura.

Il decreto di nomina del commissario ad acta è stato firmato dall’assessore regionale Maurizio Croce il 13 gennaio scorso e pubblicato ieri sulla Gazzetta ufficiale della Regione Sicilia. Ma la notizia del blitz del procuratore Ignazio Fonzo e della Digos della Questura di Agrigento, che ha sequestrato tutti gli incartamenti riguardanti il Prg, ha ulteriormente aumentato l’attenzione. «Abbiamo appreso la notizia del sequestro per questo domani ho una riunione con il dirigente generale e l’assessore per capire come procedere» ha concluso Mauro Verace.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento