Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La città ricorda le vittime del Covid: fiori sulla lapide del primo agrigentino morto

L’amministrazione comunale ha aderito alla prima giornata nazionale in memoria delle vittime del Coronavirus con un momento commemorativo che si è svolto nel cimitero di Bonamorone

 

In occasione della prima giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia di Coronavirus, l’amministrazione comunale di Agrigento ha ricordato i quindici cittadini morti con Covid e lo ha fatto con la deposizione di una composizione floreale nella cappella dove riposa la prima vittima della città l’ex bancario Calogero Baldacchino scomparso il 25 aprile scorso a 72 anni.

Torna dal Portogallo con la moglie e si ammala di Coronavirus: morto bancario in pensione
Torna dal Portogallo con la moglie e si ammala di Coronavirus: morto bancario in pensione

 

Potrebbe interessarti: https://www.agrigentonotizie.it/cronaca/coronavirus-morto-bancario-in-pensione.html

“Era doveroso questo ricordo per dimostrare la vicinanza dell’amministrazione comunale alle famiglie, con Baldacchino che è stata la prima vittima di Covid in città c’era anche un legame personale, ricordo che tanti anni fa, aveva provato a convincermi a candidarmi a sindaco e oggi sono qua a commemorarlo con addosso la fascia tricolore”. Queste dai microfoni di AgrigentoNotizie sono state le parole del sindaco di Agrigento, Franco Miccichè in ricordo di Calogero Baldacchino e di tutte le altre vittime del virus.  Presenti alla commemorazione anche i familiari. “E’ una ricorrenza triste – dice Roberto Baldacchino, fratello del compianto Calogero – che però ci fa commuovere per il pensiero che il sindaco e la città hanno avuto nei confronti di mio fratello Lillo che aveva un forte legame affettivo viscerale  con la sua terra”.
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento