menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Mare nostro, che sei nei cieli...": cerimonia per le vittime del Canale di Sicilia

L'evento è stato voluto e organizzato dal gruppo "Agrigento Manifesta", ai piedi della foce del fiume Akragas, in contrada Maddalusa, un gruppo di agrigentini, ma anche di giovani del centro accoglienza, si sono dati appuntamento per ricordare le vittime della nuova strage del mare

Ottocento pietre, delle lanterne e tanta commozione. Si è svolta ad Agrigento la cerimonia per le vittime del naufragio nel Canale di Sicilia.

L'evento è stato voluto e organizzato dal gruppo "Agrigento Manifesta" ai piedi della foce del fiume Akragas, in contrada Maddalusa. Un gruppo di agrigentini, ma anche di giovani del centro accoglienza, si sono dati appuntamento per ricordare le vittime della nuova strage del mare. 

Giovani e meno giovani hanno partecipato in silenzio, un pensiero per chi è stato inghiottito dal mare, ma anche tante preghiere. Nel pomeriggio di ieri, infatti, alcuni immigrati hanno dedicato ai loro fratelli scomparsi delle preghiere. "Mare nostro che sei nei cieli" recita una giovane ragazza, una preghiera laica dedicata a chi in quel mare ha trovato la morte.

L'Assemblea "Agrigento Manifesta" ha anche deciso di  dar vita a una raccolta fondi a favore dell'associazione "Volontari di Strada", che necessita urgentemente di un frigorifero professionale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento