rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024

Commemorazione dei defunti, l'arcivescovo Damiano: "Questa bella giornata di sole che ci ricorda la luminosità della vita"

Per la celebrazione eucaristica officiata al cimitero di Bonamorone le autorità hanno ceduto i loro posti agli anziani. A Canicattì, il neo sindaco Vincenzo Corbo ha reso omaggio alle sepolture dei giudici trucidati dalla mafia

“La visita al cimitero è un modo per concretizzare la memoria delle nostre radici, in ricordo delle persone che ci hanno dato la vita e con cui abbiamo percorso un tratto del nostro cammino. I nostri defunti non sono al buio, oggi ci accoglie una bella giornata di sole che ci ricorda la luminosità della vita piena nella Gerusalemme nuova”. Così dai microfoni di AgrigentoNotizie l'arcivescovo di Agrigento, monsignor Alessandro Damiano, ha parlato del significato che assume la commemorazione dei defunti.

Le celebrazioni del 2 novembre, come da tradizione, si sono svolte dinanzi al sacrario dei caduti in guerra nel cimitero comunale di Bonamorane alla presenza delle autorità. I rappresentanti delle istituzioni si sono resi protagonisti di un gesto di generosità nei confronti della comunità ai quali sono stati ceduti i posti che erano stati riservati alle autorità.

2 novembre nei cimiteri di Agrigento e Canicattì

Omaggio ai giudici uccisi dalla mafia

A Canicattì, al cimitero comunale, il neo sindaco Vincenzo Corbo ha sostato commosso davanti le tombe dei Livatino e Saetta, trucidati dalla mafia. Al corteo hanno preso parte, oltre i rappresentanti delle forze dell'ordine, gli assessori della giunta municipale e diversi canicattinesi. 

commemorazione defunti, corbo rende omaggio ai giudici-2

Video popolari

Commemorazione dei defunti, l'arcivescovo Damiano: "Questa bella giornata di sole che ci ricorda la luminosità della vita"

AgrigentoNotizie è in caricamento