Cronaca

In Congo da diversi mesi, l'attesa è finita: il comandante Guardino torna a casa

Il marittimo adesso potrà riabbracciare la propria famiglia. L'uomo, insieme al suo equipaggio, svolge servizio di appoggio e assistenza alle piattaforme petrolifere

Giuseppe Guardino

Sono stati mesi lunghi e pieni di fatica per Giuseppe Guardino. Il comandante saccense, insieme al suo equipaggio, è rimasto bloccato nel Congo. Dopo svariati appelli e tante attese, il marittimo può tornare a casa. Si, perché, Giuseppe Guardino lascerà l’Africa giorno 5 luglio. Tra due giorni, il saccense, si metterà in viaggio avendo una sola sola destinazione, ovvero Sciacca.

Bloccato in Africa da mesi, il comandante Guardino: "Ho malinconia di casa e di un bicchiere di vino bianco"

Il saccense è il comandante della nave offshore "Blue Brother" di Ravenna, che svolge servizio di appoggio e assistenza alle piattaforme petrolifere.

L'emergenza Covid 19 aveva chiuso tutte le frontiere, gettendo nello sconforto anche il marittimo di Sciacca. Oggi, la bella notizia: Giuseppe Guardino, dopo mesi, potrà riabbracciare la sua famiglia. Finisce così una disavventura durata diversi mesi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Congo da diversi mesi, l'attesa è finita: il comandante Guardino torna a casa

AgrigentoNotizie è in caricamento