rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023
Il caso / Canicattì

Gli hanno sparato alle spalle con un fucile ad aria compressa: 24enne in ospedale

L’esame radiografico al quale il giovane immigrato è stato sottoposto ha confermato che nella schiena aveva un piombino. Indaga la polizia

Gli hanno sparato alle spalle con un fucile ad aria compressa. Ha 24 anni il gambiano che è stato soccorso in piazza Roma, a Canicattì, e trasferito all’ospedale “Barone Lombardo”. L’esame radiografico al quale il giovane immigrato è stato sottoposto ha confermato che nella schiena aveva un piombino. Tutto è accaduto durante la notte fra domenica e lunedì. E del caso si stanno, adesso, occupando i poliziotti del commissariato cittadino. Non è ben chiaro per quale motivo contro il giovane gambiano siano stati esplosi dei colpi con una carabina ad aria compressa. Pare – stando a quanto riferito dallo stesso ventiquattrenne ferito – che siano stati alcuni ragazzi. Ma non c’è naturalmente nessuna certezza investigativa in merito.

A chiedere “aiuto” alla polizia è stato, poco prima di mezzanotte e mezza, lo stesso gambiano che è domiciliato, da tempo, nella città dell’uva Italia. E già in quell’Sos, l’immigrato ha parlato di un fucile ad aria compressa e d’essere stato centrato alla schiena. Le Volanti del commissariato sono subito accorse e hanno facilitato il trasferimento del ferito, con ambulanza del 118, al pronto soccorso. I medici hanno subito sottoposto il giovane a tutti gli accertamenti sanitari ritenuti necessari, fra cui un esame radiografico che ha, appunto, confermato la presenza di un piombino nella schiena. Non è stato dichiarato in pericolo di vita ed è stato tenuto sotto costante osservazione. All’alba di lunedì, il gambiano si è però spontaneamente, e arbitrariamente, allontanato dal presidio ospedaliero ed ha fatto perdere le sue tracce. I poliziotti del commissariato di Canicattì oltre a cercare il giovane immigrato stanno cercando di ricostruire come e perché, in piazza Roma, qualcuno gli abbia esploso dei colpi di fucile ad aria compressa contro la schiena. Non dovrebbe trattarsi di un episodio di intolleranza nei confronti dello straniero, anche perché a Canicattì convivono, da decenni, diverse etnie. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli hanno sparato alle spalle con un fucile ad aria compressa: 24enne in ospedale

AgrigentoNotizie è in caricamento