rotate-mobile
Cronaca

Mostra fotografica in via Atenea, Codacons: "Nuovo sperpero di denaro pubblico"

Scoppia una polemica tutta natalizia dopo una nuova spesa sostenuta dal Parco archeologico per il centro città

"La città affonda, il prefetto vieta ogni tipo di assembramento, eppure per il Natale si 'spartiscono' 100mila euro di soldi pubblici". L'attacco arriva dalla Codacons di Agrigento.

"In ottemperanza a quali disposizioni il parco continua a spendere soldi pubblici in situazioni che non riguardano il fine istituzionale della gestione del Parco? Come mai invece di assegnare l’incarico direttamente ad una società di servizi, si deve concedere un contributo ad una associazione culturale con evidente doppio passaggio e naturale aggravio di spese? Possibile che il Parco debba continuare a servire a spartire soldi pubblici in barba a tutte le disposizioni di legge e che nessuno faccia nulla per il controllo di tali gestioni assurde e sconsiderate?".

A scaldare gli animi dell'associazione, da ultimo, è il posizionamento di 20 pannelli fotografici installati in via Atenea. "Hanno avuto il nulla osta della soprintendenza? Hanno avuto il nulla osta del Comune di Agrigento? Hanno avuto - chiede ancora - il nulla osta dei proprietari dei palazzi dove li hanno installati? Venti pannelli di fotografie, al costo di 20€ a pannello, per una spesa totale tutto compreso del costo totale di 400 € si possono mai pagare 8.800 €? Ma non avevamo altro per cui spendere questi soldi? Una città civile, senza bagni pubblici e tanti servizi essenziali, necessitava di una spesa così alta per il Natale?".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mostra fotografica in via Atenea, Codacons: "Nuovo sperpero di denaro pubblico"

AgrigentoNotizie è in caricamento