"Sanremo Rock", sul palco dell'Ariston ci sarà anche Alberto Cannatella

Il trentaduenne di Cianciana, lo scorso settembre, è arrivato secondo alle finali nazionali nella città di Rimini al "Sanremo new talent"

Ci sarà anche Alberto Cannatella di Cianciana sul palco del teatro Ariston di Sanremo. Assieme alla band agrigentina Malarazza 100% Terrore e ai gruppi palermitani, rappresenterà la Sicilia - dal 4 al 6 giugno - per le finali nazionali di "Sanremo Rock". 

I Malarazza 100% Terrone rappresenteranno la Sicilia al Sanremo Rock

Alberto Cannatella, 32 anni, vive nel piccolo Comune di Cianciana. E' stato finalista di diversi contest tra i più importanti Area Sanremo, superando le prime tre selezioni davanti alla commissione di Roby Facchinetti e Giusi Ferreri. Lo scorso 23 settembre è arrivato secondo alle finali nazionali nella città di Rimini al "Sanremo new talent".

Alberto è musicista autodidatta: la musica lo accompagna sin dall’età di 12 anni. Inizia come batterista, spazia in diversi generi musicali: jazz, blues, rock, folk, funky, pop. Usa la musica non solo come mezzo di espressione ma anche per aiutare gli altri, coinvolgendo un po' tutti in serate di beneficenza. E' stato chiamato ad esibirsi al teatro Ambasciatori di Catania in un programma televisivo di alto rilievo siciliano “Insieme” di Antenna Sicilia, dove ha riscosso tanto successo da parte del pubblico e dei critici presenti. Ha aperto i concerti di Edoardo Vianello, Sicilia Cabaret e Bianca Atzei.

Ha composto diversi brani, i testi delle sue canzoni rispecchiano momenti reali di vita vissuta. E' un musicista polistrumentista, suona anche il basso e la chitarra. Al momento sta lavorando al suo primo album. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

  • La tempesta tiene in ostaggio la provincia, è allerta "arancione": ecco dove resteranno chiuse le scuole

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento