Martedì, 23 Luglio 2024
La vertenza

I sindacati contro l'Aica su lavoro e servizio idrico: "Governance improvvisata, vengano disposti accertamenti ispettivi"

Cgil, Cisl e Uil hanno scritto al prefetto Filippo Romano, all'Ati e alla Regione

"In questi tre anni, la governance Aica ha dimostrato di non essere capace di strutturare un metodo che possa classificare le criticità secondo costi e tempo d’intervento. L'attività risulta alquanto improvvisata e in balia degli eventi giornalieri senza che questi possano essere gestiti da un metodo soddisfacente. L'approccio con sufficienza e senza entrare nel merito delle tematiche fa sì che il servizio all'utenza sia deludente e immeritato dal territorio". Lo scrivono, denunciando gravi violazioni di legge, i rappresentanti delle segreterie Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uiltec-Uil che hanno anche sottolineato come "dalla costituzione di Aica ad oggi, nonostante le nostre continue richieste, non è stato presentato alcun piano industriale". I sindacalisti - che hanno scritto al prefetto Filippo Romano, all'Ati e alla Regione - si ritrovano nell’incresciosa situazione di non poter dare risposte ai lavoratori. E vengono chiesti, alle istituzioni, ognuno a seconda della propria competenza, accertamenti ispettivi.

Era stata avviata la procedura di raffreddamento, "nel corso della quale l’azienda aveva avuto un’apertura per individuare un percorso condiviso", ma non ci sono state ulteriori progressioni. E questo per le sigle sindacali ha un'unica chiave di lettura: "L'Aica risulta incapace di mantenere relazioni proficue con i sindacati". 

L'Agrigentino è nella morsa della sete: come chiamare le autobotti censite dall'Aica e come pagare

Sicurezza, salute e ambiente

I sindacati sono entrati nel dettaglio. "L'azienda, tranne che da punto di vista documentale, provando a metter in ordine i documenti specifici sulla salute, sicurezza e ambiente, di fatto non ha affrontato in modo serio e strutturale le problematiche di sicurezza impiantistiche, proponendo una cifra irrisoria per fare fronte a milioni di euro di investimenti necessari, sottovalutando i pericoli a cui quotidianamente sono esposti i lavoratori - scrivono le sigle sindacali - . Ad oggi la situazione sicurezza risulta incontrollata da parte dell’azienda, incapace di una analisi e pianificazione degli interventi da porre in essere al fine di regolarizzare, dal punto normativo, tutti gli impianti. Recenti infortuni in cui botole o passerelle cedono sotto il peso dei lavoratori e il triste dato degli infortuni accaduti ai dipendenti negli ultimi 3 anni, mette in risalto l’incapacità della governace di Aica al controllo dei pericoli e rischi che insistono negli impianti". 

Subappalti a cascata, pochi controlli e impiegati in nero: così si muore di lavoro in Sicilia

Inquadramenti dei lavoratori e organizzazione

"L’azienda risulta incapace di assumere i doveri dell’articolo 36 titolo III parte I della Costituzione, nonché della norma contrattuale. Metodologie e criteri di gestione dell’organizzazione del lavoro che l’azienda pone in essere risultano improvvisati e irrazionali. Come pure libere e personali interpretazioni delle normative vigenti espongono i lavoratori a rischi e pericoli e, inoltre, l’uso strumentale del sistema sanzionatorio genera ormai una diffusa sintomatologia di forte malessere e disagio in materia di serenità lavorativa, come pure un clima intimidatorio" - concludono le segreterie di Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uiltec-Uil - . 

AgrigentoNotizie è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I sindacati contro l'Aica su lavoro e servizio idrico: "Governance improvvisata, vengano disposti accertamenti ispettivi"
AgrigentoNotizie è in caricamento