Cera sulla strada, inibito a moto e bici gran parte del centro città

Ampliato il raggio di azione dell'ordinanza della Polizia municipale: due ruote vietate fino in piazza Aldo Moro. Pericolo anche per i pedoni

Piazza Pirandello

Qualcuno, scherzando, l'ha già ribattezzata "Fiaccolopoli", ma si potrebbe ridere se non ci fosse da essere preoccupati. Oggi vi abbiamo raccontato che piazza Pirandello è stata prima "insabbiata" e poi mantenuta chiusa al traffico con un'ordinanza firmata lo scorso 7 marzo che teneva conto del pericolo per la circolazione rappresentato dalla pavimentazione stradale resa viscida da tracce di cera della "Fiaccolata dell'amicizia" dello scorso 6 marzo. Una situazione che aveva provocato, da che si sappia, almeno un paio di incidenti stradali. 

Piazza Pirandello scivolosa causa cera, tutto chiuso e ricoperto dalla sabbia

Così il Comune, che ha subito indicato come responsabilie - a suo dire - il Parco archeologico, si era apprestato a far chiudere la piazza, che nel frattempo era stata ricoperta di sabbia rossa. Uno spettacolo non piacevole per il "salotto della città".

Cosa è accaduto, però? Che già oggi pomeriggio la Polizia municipale abbia dovuto  applicare restrizioni più su vasta scala. Questo seguendo una nota del settore infrastrutture stradali nella quale, si legge nell'ordinanza, "si chiede di ampliare il divieto di transito ai veicoli a due ruote e di ridurre il limite massimo di velocità a 10 km orari a tutti i veicoli estenendo tali divieti anche lungo il percorso interessato dalla fiaccolata". 

Così, se sussiste anche un  "pericolo generico con strada sdrucciolevole per i pedoni", i divieti sono estesi in via Atenea, piazza Aldo Moro e piazza Marconi,  confermando invece in piazza Vittorio Emanuele nella giornata del 10 marzo il divieto per la sosta in tutta l'area fino a manifestazione utlimata.

Si riuscirà a pulire tutto entro domattina?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Covid-19, il virus torna a tenere sotto scacco Canicattì: un morto e 35 nuovi positivi

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

  • Scoperto stabilimento dolciario abusivo, sequestrati generi alimentari scaduti e mal conservati: un arresto

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: boom di contagiati (+110) e 9 vittime in 48 ore

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento