rotate-mobile
Cronaca Centro città

Aiuole e fioriere devastate dai vandali, cresce la rabbia dei residenti del centro storico

I poliziotti non hanno potuto far altro che constatare i danneggiamenti e raccogliere la segnalazione. Preda dello sdegno e della rabbia, inevitabilmente, gli abitanti delle vie Gamez, Celauro e Porcello che proprio non riuscivano a darsi una spiegazione o una giustificazione per l’accaduto

Non è la prima volta che accade. E, purtroppo, non sarà forse neanche l’ultima. Tutti gli arredi esterni – aiuole e vasi ricolmi di piante e fiori – sistemati dai residenti delle vie Gamez, Celauro e Porcello sono stati devastati dai vandali. Piccoli arredi che erano stati collocati per rendere decorose e particolari le strade del centro storico di Agrigento, ma che nel giro di poche ore – durante la notte – sono stati distrutti. Un gruppetto – appare scontato che si è trattato di più persone – di vandali è entrato in azione, senza essere visto, né sentito e ha “seminato” inciviltà. A chiamare il numero unico d’emergenza: il 112, una volta fatta la scoperta, sono stati gli abitanti delle vie di “Girgenti”, gli stessi che, appunto, avevano fatto di tutto per creare ambienti sistemati e decorosi. Sul posto, scattato l’allarme, si sono precipitate le pattuglie della sezione Volanti della Questura. Gli agenti non hanno potuto far altro che constatare i danneggiamenti e raccogliere la segnalazione. Preda dello sdegno e della rabbia, inevitabilmente, gli abitanti delle vie Gamez, Celauro e Porcello che proprio non riuscivano a darsi una spiegazione o una giustificazione per l’accaduto. E questo, appunto, perché non c’era veramente nulla da spiegare o giustificare.

I poliziotti della sezione Volanti hanno avviato le ricerche prima per provare a rintracciare il gruppetto di vandali e le indagini dopo. Fino ad ieri, nessun indizio o elemento era saltato però fuori. Non è escluso – anche se mancano le conferme istituzionali al riguardo – che i poliziotti possano aver già verificato l’eventuale presenza di impianti di videosorveglianza pubblici o privati presenti in zona. Qualora i grandi “occhi” fossero presenti e funzionanti, gli eventuali filmati non potrebbero che indirizzare, e anche rapidamente, le indagini.

Fatti analoghi si sono già registrati – neanche tanto tempo addietro - nella zona fra le vie Atenea e Cesare Battisti, ma anche a Porta di Ponte e in via Madonna degli Angeli. I vandali son si limitano a buttare per terra le fioriere, ma riescono – senza appunto essere visti, né sentiti da nessuno – a sradicare e spezzare le diverse, costose, piante collocate dai residenti delle varie zone, ma anche dai gestori dei B&B. Agrigentini che provano a rendere accogliente quella porzione di "salotto buono" e zone limitrofe. I raid vandalici però, purtroppo, periodicamente si registrano e sollevano cori di proteste unanime. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aiuole e fioriere devastate dai vandali, cresce la rabbia dei residenti del centro storico

AgrigentoNotizie è in caricamento