Centro di stoccaggio al Villaggio Mosè, Picarella: "E' inconcepibile"

Duro attacco della Confcommercio al Comune di Agrigento, chiedendo spiegazioni anche all'assessore Hamel

Centro di stoccaggio al Villaggio Mosè

Duro attacco della Confcommercio contro il Comune di Agrigento, nella persone dell'assessore all'ecologia, Nello Hamel. Motivo del dibattito, questa volta, è il centro di stoccaggio del Villaggio Mosè. "Mentre imprenditori e commercianti provano a lasciarsi dietro il lockdown e si rimboccano le maniche per ripartire c’è chi allestisce centri di stoccaggio di rifiuti nei pressi delle loro attività".

In una nota, Picarella, parla del centro di stoccaggio del Villaggio Mosè, a pochi passi da diverse attività commerciali ed anche B&b. 

"Ci troviamo all’incrocio tra via degli Imperatori e via Magellano. Non una zona qualunque. E’ la strada che dal Villaggio Mosè conduce alle spiagge. Qui ci sono B&B, strutture ricettive, ristoranti e negozi.  Il Municipio, probabilmente in preparazione alla stagione estiva, sta allestendo un nuovo centro di stoccaggio rifiuti. Inconcepibile per chi ha investito e crede nello sviluppo turistico di questa terra. Inconcepibile che l’assessore all’Ecologia Nello Hamel permetta tutto questo". Confcommercio chiede spiegaizioni ed anche risposte. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Eppure - dice Picarella - la questione è annosa e tante volte in passato abbiamo discusso di questo tema. Tante volte ci siamo confrontati con l’amministrazione pubblica e troppe volte abbiamo spiegato le nostre ragioni. Lo ribadiamo ancora una volta, a ridosso dell’abitato e delle attività commerciali non è possibile tollerare questo degrado. Ci dispiace constatare che ad oggi ed a distanza di quattro anni, il sistema di raccolta differenziata continua ad essere fallimentare a dispetto dei costi altissimi. Quella che altrove sarebbe potuta essere un’opportunità, qui è diventato un problema.  Chiediamo - conclude la Confcommercio - all’amministrazione comunale di provvedere con urgenza alla rimozione di quanto già approntato e che si riveda una volta e per tutte il servizio anche e soprattutto in vista della stagiona estiva". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

  • Passeggero della Tua positivo al Covid 19, l'Asp: "Chi ha viaggiato su questo bus ci contatti immediatamente"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento