Marmista massacrato nel suo laboratorio, il pm: "Imputato agli arresti per tutto il processo"

Il magistrato della Procura sollecita la sospensione dei termini di custodia cautelare per il cinquantacinquenne Gaetano Sciortino

Da sinistra Miceli e Sciortino

Gerlando Cardinale
“Il procedimento è di particolare complessità, restano da sentire ancora numerosi testi. È necessario sospendere i termini di custodia cautelare che scadrebbero il 21 marzo”. È la richiesta del pubblico ministero Gloria Andreoli al processo per l’omicidio di Giuseppe Miceli, il marmista di 67 anni, massacrato nel suo laboratorio nella notte fra il 7 e l'8 dicembre del 2015. L’unico imputato, l’operaio Gaetano Sciortino, 55 anni, da quasi due mesi si trova agli arresti domiciliari, con l’applicazione del braccialetto elettronico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il magistrato della Procura, adesso, ritiene che, il processo potrebbe non concludersi entro la scadenza dei termini e ha chiesto ai giudici di sospenderli. I difensori dell’imputato, gli avvocati Santo Lucia e Giovanna Morello, si sono opposti e la Corte presieduta da Wilma Angela Mazzara scioglierà la riserva nei prossimi giorni. Ieri, intanto, è proseguita la deposizione del maresciallo del nucleo investigativo dei carabinieri, Pompeo Chirico. All’udienza precedente aveva raccontato la svolta investigativa. “Sciortino ha seguito Miceli tutto il giorno in maniera ossessiva, passando e ripassando con l’auto anche davanti al suo laboratorio. Dopo sei mesi, visionando le immagini di videosorveglianza della zona - aveva aggiunto Chirico -, ci siamo accorti della presenza di un uomo con la valigia e in atteggiamento sospetto, nel giorno che precede l’omicidio. Abbiamo seguito il percorso della Fiat Punto e identificato, con un’altra telecamera, la targa. È quella di Sciortino che, peraltro, in alcuni fotogrammi è visibile in volto”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • "Minacce di morte e calci nella pancia alla fidanzata incinta", la donna lo perdona e ritira la querela

  • Gruppetto di tunisini sbarca a San Leone: i migranti scappano a gambe levate

  • Tenta di bloccare tunisino in fuga da Villa Sikania e viene aggredito: poliziotto finisce in ospedale

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento