rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Cronaca Castrofilippo

"Truffò clienti per centinaia di migliaia di euro", sequestrati beni a direttore delle Poste

Il gip fa requisire casa, auto e moto di Vincenzo Di Rosa, 56 anni, di Agrigento. Secondo l'accusa, con vari pretesti si sarebbe fatto consegnare libretti e conti per prelevare denaro

Di Rosa, in passato semplice postino e poi promosso improvvisamente direttore dell’ufficio di Castrofilippo, è accusato di svariate ipotesi di peculato e truffa. Innanzitutto, secondo l’accusa, si sarebbe appropriato di circa 51 mila euro di proprietà dell’ufficio – da qui scaturisce l’accusa di peculato – prelevandoli indebitamente dall’Atm e dalla cassa. Contestate, inoltre, svariate ipotesi di truffa. Nel marzo dell’anno scorso, ad esempio, avrebbe chiesto a un anziano cliente la consegna del libretto col pretesto di “calcolare gli interessi”: in realtà, sostiene l’accusa, ne avrebbe approfittato per prelevare 50 mila euro e incassare la polizza vita collegata al titolo finanziario. 

Nei confronti di Di Rosa, difeso dagli avvocati Alfonso Neri e Salvatore Pennica, era stata chiesta anche la misura cautelare della sospensione su cui il giudice non si è ancora pronunciato anche se, di fatto, essendo stato già rimosso non potrà avere effetti concreti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Truffò clienti per centinaia di migliaia di euro", sequestrati beni a direttore delle Poste

AgrigentoNotizie è in caricamento