rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca Casteltermini

Disturbati e messi in fuga, cacciatori di "oro rosso" abbandonano il bottino

I carabinieri hanno ritrovato e sequestrato 700 metri di cavi elettrici che erano stati già tagliati ed erano pronti per essere portati via

Cacciatori di “oro rosso” interrotti sul più bello. Perché i cavi di rame dell’elettricità erano stati già tutti tranciati. Sarebbe bastato solo il tempo per raccogliere le matasse e caricarle su un mezzo di trasporto e l’ennesima razzia – in provincia di Agrigento – sarebbe stata messa a segno. In realtà i ladri, quasi sicuramente una banda, sono stati disturbati, appunto sul più bello, da una pattuglia di carabinieri.

I militari dell’Arma erano in servizio di controllo e perlustrazione nelle campagne di Casteltermini quando, in contrada Mandravecchia, hanno notato qualcosa di strano. E’ bastata una verifica più approfondita per trovare sul terreno ben 700 metri di cavi elettrici.

I malviventi, invece, non hanno perso tempo e, notando verosimilmente la pattuglia dei carabinieri, hanno abbandonato la refurtiva sul posto e si sono immediatamente dileguati. Il tutto senza lasciarsi, a quanto pare, alcuna traccia dietro le spalle. I carabinieri della stazione di Casteltermini, coordinati dal comando compagnia di Cammarata, hanno raccolto e posto sotto sequestro i 700 metri di cavi di rame dell’energia elettrica. Sono state avviate le indagini ed è stata avvisata l’Enel che, adesso, vittima privilegiata dei cacciatori di “oro rosso”, dovrà adoperarsi per ripristinare i collegamenti e dunque l’illuminazione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disturbati e messi in fuga, cacciatori di "oro rosso" abbandonano il bottino

AgrigentoNotizie è in caricamento