La Cassazione accoglie il ricorso di Nicastro, Pellitteri non potrà essere sindaco

Secondo la corte si verrebbe a ledere "in modo irrazionale ed illegittimo la prevalente esigenza di mantenere inalterata la scelta espressa attraverso le elezioni"

Nessun nuovo "ribaltone" giudiziario: Casteltermini avrà un nuovo sindaco solo andando al voto il prossimo 4 e 5 ottobre.

Ad annunciarlo, con una nota inviata stamattina, sono i legali dell'ex sindaco Gioacchino Nicastro, Girolamo Rubino e Giuseppe Impiduglia, i quali rendono noto di aver ottenuto dalla Cassazione la sospensione del capo della sentenza con il quale era stato proclamato sindaco Filippo Pellitteri.

Quest'ultimo, candidato del Movimento 5 Stelle, non eletto alle scorse Amministrative, aveva proposto un ricorso giurisdizionale per la declaratoria di ineleggibilità del sindaco eletto Gioacchino Nicastro, ottenendo la decadenza di questo e la possibilità di subentrargli: era però passato poco tempo prima che tutto venisse nuovamente capovolto in sede legale, portando alla guida di Casteltermini un commissario straordinario nominato dalla Regione. 

Adesso la Corte di Cassazione ha chiarito che la sostituzione del sindaco eletto (Nicastro) con il sindaco sconfitto (Pellitteri)   “verrebbe a ledere in modo irrazionale ed illegittimo la prevalente esigenza di mantenere inalterata la scelta espressa attraverso le elezioni, verificandosi una sorta di 'aberrazione' della volontà elettorale, quale si è espressa nella votazione diretta del sindaco, in forza dello spiccato prevalere dell’elemento personale: dove, invero, è proprio la conoscenza personale del candidato e della sua lista che guida la scelta degli elettori e l'affidamento del mandato mediante il voto, basato sulle precipue qualità (professionali e di competenza, etiche, intellettuali) del candidato medesimo”.

Per effetto della sentenza della Corte di Cassazione, il nuovo sindaco del Comune di Casteltermini verrà proclamato in esito alla prossime elezioni amministrative che si terranno il prossimo 4 e il 5 ottobre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento