menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
"Le Iene" intervistano Pasquale Amato

"Le Iene" intervistano Pasquale Amato

Palma di Montechiaro, il Castello torna ad essere conteso: "Le Iene" in città

Dopo tanti anni, si riapre la "lotta" per accaparrarsi lo stabile. Da una parte il Comune, dall'altra i proprietari

Il castello di Montechiaro, torna ancora ad essere conteso. Una troupe de "Le Iene" è stata, quest’oggi a Palma di Montechiaro. Il programma d’inchiesta, in onda sulle reti Mediaset, ha intercettato l’ex sindaco, Pasquale Amato. Oggetto, della discussione, ancora una volta il Castello di Palma di Montechiaro.

"Di chi è il Castello? Non è mio, ma è dei cittadini di Palma di Montechiaro. Le Iene? Ho risposto con tranquillità - ha detto l'ex sindaco, Pasquale Amato -  la storia è nota a tutti. Abbiamo salvato il castello dalle incurie, dal salsedine e dal degrado. La struttura era in totale abbandono. Dopo tante lotte - riferisce l'ex primo cittadino ad 'AgrigentoNotizie' - siamo riusciti a ristrutturalo e renderlo fruibile. Questo posto, è il punto di riferimento di molti palmesi”.

Il castello di Montechiaro, già nel  2009 la Giustizia amministrativa riconobbe la definitiva acquisizione come Comune di Palma di Montechiaro. Una società, aveva acquistato dagli eredi di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, il terreno contenente i ruderi dell’antico Castello di Montechiaro.

A partire dalla fine degli anni ottanta il Comune di Palma di Montechiaro aveva manifestato alla ditta proprietaria l'interesse di acquistare il Castello, ma la trattativa restò ferma per anni.

Nel 2001, partì il progetto di restauro conservativo fu redatto dalla Soprintendenza, i lavori furono affidati alla stessa, per una cifra di oltre un miliardo di vecchie lire. Dopo averlo "salvato", il castello tornò a fare gola. Oggi, i proprietari, lo rivogliono indietro. "Abbiamo avvitato diverse iniziative – ha detto Pasquale Amato – pensavano di fare uno scoop, ma quel posto è un bene di tutti i palmesi, negli anni è anche diventato un santuario". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento