rotate-mobile
Cronaca

Suv acquistati con i fondi per le famiglie, il Ministero: "Utilizzo eccentrico, via al recupero"

In una lettera il Dipartimento annuncia l'avvio delle procedure di ritiro del finanziamento

Il Ministero della Famiglia ha avviato le procedure per il recupero delle somme spese dal Comune di Agrigento per l’acquisto di suv e pc con l’utilizzo di fondi destinati a famiglie, servizi educativi e centri estivi.

Tutto è contenuto in una lettera formalmente notificata al Codacons, associazione dei consumatori che per prima aveva puntato il dito contro questa operazione, ritenendola una "distrazione di denaro pubblico".

Caso Suv, l'assessore Vullo: "Era l'unico modo per non perdere il finanziamento"

Adesso il Dipartimento competente, definisce "eccentrico" l'utilizzo delle somme destinate ad attività sociali per l'acquisto appunto delle auto, e soprattutto ritiene sia applicabile la revoca degli importi stanziati, come previsto quando "il comune benificiario impegni totalmente o parzialmente le somme entro il 31 dicembre 2021 per realizzare interventi non previsti".

"Auto acquistate con fondi per le famiglie", non si placa la polemica

Il Dipartimento, inoltre, ha già comunicato al Comune l'avvio della procedura di recupero delle somme lo scorso 20 aprile (senza che però l'ente abbia in qualche modo annunciato qualcosa) e soprattutto trasmesso gli atti alla Procura della Corte dei Conti. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Suv acquistati con i fondi per le famiglie, il Ministero: "Utilizzo eccentrico, via al recupero"

AgrigentoNotizie è in caricamento