Il Fondo per l'ambiente italiano compra "casa" nella Valle dei Templi

Sono state acquistate, grazie alla concessione dei proprietari, le "Case Montana" che si trovano a strapiombo sulla Kolymbethra: diventeranno un museo della storia contadina

Case Montana

ll Fondo per l'ambiente italiano ha comprato "casa" ad Agrigento, nella Valle dei Templi. Ma non si tratta certamente di un'operazione commerciale e immobiliare.

Il Fai, dopo quasi esattamente 20 anni di investimento nella Kolymbethra, che rappresenta ancora per la fondazione un "fiore all'occhiello" a livello nazionale, ha infatti investito, e investirà ancora, nel cuore del Parco archeologico. Grazie anche alla disponibilità della famiglia Campo-Riolo, sono state infatti acquistate le "Case Montana", un complesso di antichi edifici ottocenteschi che si trovavano proprio a strapiombo sul vallone del giardino. Dei beni che il Fai donerebbe, in caso di chiusura della fondazione, al Parco, e che sono adesso all'interno di un importantissimo progetto di investimento.

A "caccia" della storia segreta dell'antica vasca: la Kolymbethra

I dettagli sono stati riferiti stamattina durante una conferenza stampa (più che altro, una convention per tempi e modi di svolgimento) alla quale erano presenti i vertici del Parco archeologico (il direttore Giuseppe Parello, il presidente Bernardo Campo), del Fai (il capodelegazione agrigentino Vittorio Nocera il presidente regionale Giuseppe Taibi, e il vicepresidente esecutivo Marco Magnifico) e del sindaco di Agrigento Lillo Firetto.

Le strutture saranno recuperate mantenendone e recuperandone anzi l'aspetto originario, ricostruendo quanto venuto meno negli anni a causa del progressivo degrado che le aveva colpite e saranno ovviamente collegate alla fruizione del giardino, creando stanze di servizio ma anche altre destinate ai turisti e realizzando anche uno spazio che raccoglierà la storia di quella abitazione e del patrimonio paesaggistico e agricolo della Valle. Ma quanto costerà? "Almeno un milione di euro, soldi che però non abbiamo - dice Magnifico -. Per questo da qui ai prossimi anni cercheremo sponsore e risorse necessarie per questo importante progetto.

Il vicepresidente del Fai Marco Magnifico: "Agrigento è uno dei posti più belli al mondo"

Ma non è finita qui, perché il Fai ha annunciato stamattina anche di aver già avviato un'importantissima campagna di ricerca sulla storia archeologica della Kolymbethra, che è in realtà già partita e che sarà condotta insieme all'Univeristà Kore di Enna.  Da gennaio, infatti, sono iniziate le attività di rilevazione laser tridimensionale che consentiranno di avere un quadro complessivo della stratificazione delle strutture esistenti, in larga parte mai mappate. Questo consentirà di avere un primo responso su quanto si cela sotto terra per poter pianificare, probabilmente a partire dal 2020, una importante campagna di scavi da condurre con il Parco archeologico. La prima che andrà ad indagare nel dettaglio la storia antica del giardino e la sua collocazione nel sistema ipogeale cittadino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, traffico di droga e politica: scatta l'operazione "Oro bianco": 12 arresti, ecco i nomi

  • Fiumi di droga, estorsioni, minacce e il "braccetto" con la politica: ecco i dettagli dell'operazione "Oro bianco"

  • Scontro fra due auto nella zona industriale, muore impiegata 62enne

  • Rimorchio si sgancia da tir e travolge auto: due feriti, uno in gravi condizioni

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore (+79 in provincia): la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento