rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca Centro città / Via Neve

Casa cadente, la diffida: eventuali spese per sgomberi saranno addebitate

Il sindaco Lillo Firetto, nell'ordinanza di messa in sicurezza dell'abitazione dove è crollato il tetto, è stato chiaro: 30 giorni di tempo per intervenire

Martedì scorso, postumo della drammatica ondata di maltempo, è crollato – all’angolo fra le vie Neve e Sanso – il tetto di un’abitazione disabitata. I vigili del fuoco di Agrigento, direttamente sul posto, hanno diffidato il proprietario dello stabile, disabitato, a metterlo in sicurezza. Nelle ultime ore, il sindaco di Agrigento Lillo Firetto ha firmato una apposita ordinanza.

Il maltempo lascia il segno: è crollato il tetto di una casa 

“Considerato che persistono le condizioni di pericolo con serio pregiudizio per la pubblica e privata incolumità” – hanno scritto dal settore Territorio, Ambiente e Protezione civile di palazzo dei Giganti -, Firetto ha ordinato che entro e non oltre 30 giorni l’immobile venga messo in sicurezza. A conclusione dei lavori, l’agrigentino, proprietario dell’immobile, dovrà produrre in Comune una perizia giurata a firma di un tecnico abilitato con la quale si dichiara che sono stati rimossi tutti i pericoli. “Il mancato intervento, visto la stagione invernale in corso, - ha scritto il sindaco – può determinare l’aggravarsi delle condizioni di pericolosità dell’immobile che imporrà l’eventuale chiusura delle vie Sanso e Neve e del cortile Coniglio e l’eventuale sgombero degli immobili attigui”. Firetto ha anche aggiunto che “la sistemazione alternativa dei residenti delle case sgomberate graverà sui proprietari dell’edificio da mettere in sicurezza”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casa cadente, la diffida: eventuali spese per sgomberi saranno addebitate

AgrigentoNotizie è in caricamento