Cartella esattoriale per il testimone di giustizia Cutrò, lo sfogo: "Mi hanno ucciso da vivo"

L'appello agli imprenditori: "Denunciate, nonostante tutto denunciate. Io credo sempre in quello che ho fatto, lo rifarei di nuovo. Anche se questa terra continuando così non ha nessun futuro"

“Stanno tornando indietro le cartelle esattoriali che ben sei Governi avevano promesso di annullare ma da come ho capito, mi hanno solo preso in giro. Mi hanno dato cinque giorni di tempo per saldare il debito pena l'arrivo dell'ufficiale giudiziario, il lo aspetterò con sei bombole di gas, ciascuna per ogni governo, e salderò così i miei conti. Io non mi sono pentito di aver denunciato e lo rifarei altre mille volte e a tutti gli imprenditori dico di denunciare, fatelo per i vostri figli”. Queste sono le parole che il testimone di giustizia Ignazio Cutrò pronuncia in un video messaggio dopo che si è visto recapitare, per l'ennesima volta, una delle cartelle esattoriali per debiti contratti dalla ditta edile che lo stesso ha dovuto chiudere per l'inattività scaturita dopo le denunce che portarono all'operazione antimafia “Face Off”.

Il Viminale pronto a "stoppare" i debiti di Cutrò, l'ex imprenditore: "Ne ho sentite tante, vedremo"

Negli anni, la classe politica si è sempre impegnata con il testimone di giustizia ma ad oggi, le promesse non sono ancora state mantenute e l'imprenditore bivonese che più volte si è sentito abbandonato dallo Stato,  annuncia l'estremo gesto.

Sullo stesso argomento

Video popolari

Cartella esattoriale per il testimone di giustizia Cutrò, lo sfogo: "Mi hanno ucciso da vivo"

AgrigentoNotizie è in caricamento