"Shopping in mezza Sicilia con carte di credito clonate", 4 condanne 3 assoluzioni

Il pm, Alfonsa Fiore, durante la sua requisitoria, aveva chiesto la condanna di tutti con pene che andavano dai 2 ai 6 anni

Quattro condanne per aver clonato e utilizzato carte di credito per effettuare acquisti in vari negozi dell'isola. E' questa la sentenza del monocratico Alessandro Quattrocchi del tribunale di Agrigento che ha anche assolto altri tre imputati. A cario titolo, i sette erano stati indagati per utilizzo indebito di carte di credito clonate, ricettazione, detenzione e spaccio di droga. Il pm, Alfonsa Fiore, durante la sua requisitoria, aveva chiesto la condanna di tutti con pene che andavano dai 2 ai 6 anni. 

"Shopping in mezza Sicilia con carte di credito clonate", processo agli sgoccioli

Il giudice monocratico, Alessandro Quattrocchi, ha condannato a 6 anni e 7 mesi Elio Magrì, 62 anni di Castrofilippo, ritenuto la mente del sistema; a 3 anni, 2 mesi e 15 giorni l’avvocato Fabio Caruselli, 66 anni di Palma di Montechiaro, Alexandra Elizabeth Aquino, 42 anni della Repubblica Dominicana, e Valerio Guerra Ariel de Jesus di 34 anni. Assolti invece Tommaso Savasta, 37 anni, di Catania; Onofrio Bonomo, 65 anni; Gianluca Attardo, 33 anni, di Agrigento. 

Il collegio difensivo è stato composto dagli avvocati Salvatore Pennica, Gaziano, Cusumano, Cordaro e Guarneri. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento