menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carovana missionaria della pace 2012

Con questa espressione diversi giovani, uomini e donne di buona volontà provenienti da varie parti d'Italia, si sono messi in cammino con la voglia di cambiare, per vivere secondo nuovi stili di vita

“iChange”, è stato questo lo slogan della Carovana Missionaria della Pace 2012. Con questa espressione diversi giovani, uomini e donne di buona volontà provenienti da varie parti d’Italia, si sono messi in cammino con la voglia di cambiare, per vivere secondo nuovi stili di vita, aperti alle istanze dei poveri del mondo, rispettosi dell’ambiente, che dicono no al potere delle mafie, al disastro ambientale, alla tratta degli essere umani.

La speranza di un cambiamento ha dunque mosso ed unito queste persone, che con la scelta dell’ itineranza hanno respinto l’indifferenza e la rassegnazione, i pregiudizi, che vogliono mettersi in azione in prima persona ed operare per la giustizia, per un mondo sostenibile, per la dignità ed i diritti di ogni essere umano.
 
La Carovana 2012 si è svolta in Campania dal 25 al 30 settembre, e ha fatto tappa a Pozzuoli, Castelvolturno, Caserta, Senerchia, Eboli, Scampia, Napoli rione Sanità, ed in ogni luogo in cui è stata ha ascoltato, fatto memoria di eventi, riflettuto, così ha incontrato le donne detenute, ricordato la strage di San Gennaro in cui sei ragazzi ghanesi sono stati uccisi dalla camorra, pregato, attraverso il rito alla Pachamama, sul tema della Madre Terra, appreso come accanto al degrado ed alla criminalità organizzata ci siano strutture formative, laboratori di cultura, centri di accoglienza, veduto che c’è una “Napoli, la speranza che cammina”, fatto festa, e tanto altro ancora.
 
La Carovana missionaria della Pace 2012 è stata organizzata dagli Istituti Missionari, da Missio Giovani, Missio Campania, dalla Rete iterdiocesana dei Nuovi Stili di Vita ed altri organismi ed associazioni. Chi scrive, laico Comboniano, ha preso parte ad un breve tratto di carovana durante il quale, in particolare, densa di significato è stata l’eucarestia celebrata presso le catacombe di S. Gennaro, che ha voluto sottolineare come le origini della cristianità siano connessi al mondo presente, e come l’impegno e la resistenza di oggi siano saldamente uniti alla memoria del passato. 
 
La settimana itinerante appena conclusa vede quindi persone pronte ad operare con spirito missionario, per la pace, la giustizia, per la dignità ed i diritti di ogni persona, a tenere lo sguardo aperto sul mondo.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento