Cessioni reti idriche, l'ira di Pullara: "Complimenti sindaci, spero che nessuno dimentichi"

Il deputato regionale capogruppo popolari e autonomisti all'Ar parla dell'imminente passaggio da Tre Sorgenti ad Ati

Carmelo Pullara

"Sembra ormai imminente la cessione di reti e impianti del Tre Sorgenti all’Ati con conseguenze impossibilità per il prosieguo di addivenire all’acqua pubblica utilizzando lo strumento del consorzio esistente. Il commissario regionale Salvatore Lanza, nominato a seguito delle continue dimissioni al vertice del Cda, ha già attivato le procedure per definire il passaggio. Questo non è altro che il risultato dell'incapacità politica ed amministrativa di Galanti e Di Ventura, sindaci rispettivamente dei comuni di Licata e Canicatti che insieme sommano quote superiori al 51% quindi autonomi e determinanti nelle decisioni gestionali del consorzio".

A parlare è il deputato regionale Carmelo Pullara capogruppo popolari e autonomisti all'Ars. "Ancora una volta - fa sapere Pullara - si palesa la dimostrazione dei danni che possono produrre amministratori incapaci e incompetenti  come lo sono il sindaco di Licata Galanti e il sindaco di Canicattì Di Ventura. Bravi ,complimenti , ci siete riusciti. Galanti e Di Ventura siete stati capaci di perdere un'ulteriore ente capace di gestire l'acqua pubblica in provincia di Agrigento". Parole importanti quelle di Pullara che poi aggiunge: "Infatti, i vostri comportamenti nella gestione del rinnovo del consiglio di amministrazione durante quest'estate e successivamente qualche mese addietro hanno consentito di fare commissariare il consorzio e oggi avviare le procedure per la cessione delle reti e quindi la dismissione del consorzio stesso.
A questo punto verrebbe da chiedersi come ma i-continua Pullara- l'ex sindaco Corbo dopo essere stato eletto presidente si dimette? Come mai il sindaco di Licatam Galanti in accordo evidentemente con il sindaco di Canicattì Di Ventura eleggono la dott.ssa Rizzo che non solo rinuncia ma, cosa ancor più grave non era stata interpellata prima della nomina?
Quali erano le vere intenzioni? Forse quella di cedere attraverso l'ex sindaco Corbo ,ovvero la dottoressa Rizzo. Le reti all'Ati perseguendo così un iter privatistico di gestione dell'acqua? Facendo estinguere e chiudere il Tre Sorgenti, che oggi fa la stessa fine per mano di un commissario che non può fare altro che prendere atto dell'incapacità gestionale dei comuni consorziati. Mi riferisco in particolar modo - aggiunge Pullara -  ai due comuni con maggiori quote e quindi Licata e Canicatti , ai sindaci Galanti & Di Ventura un'accoppiata vincente che non solo disamministra i propri comuni ma per di più, in tandem, riesce anche a disarticolare enti dati da consorzi di comuni. C'e' da chiedersi - prosegue il deputato regionale-  se non era proprio questo il fine iniziale dei due sindaci ,cioè quello di cedere le reti per una gestione privatistica dell'acqua utilizzando prima l' ex sindaco di Canicattì Vincenzo Corbo  e poi la Dott.ssa Rizzo. Tutto questo , ancora una volta, delinea e dimostra l'incapacità delle due amministrazioni nel governare la città  e nel prendere decisioni che  risultano essere fallimentari.
Oggi comunque - conclude Pullara- sia Galanti che Di Ventura hanno raggiunto l'agognato traguardo. E mi chiedo come mai il silenzio assordante della politica locale dei due comuni? Complimenti, bravi e grazie sempre, spero anzi ne sono certo che i licatesi ed i canicattinesi non dimenticheranno".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Emergenza Covid-19: diagnosticati 7 nuovi contagi ad Aragona che è a 16 casi: positivi anche ad Agrigento e Sciacca

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento