Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dolci prodotti con ingredienti scaduti, appello dei carabinieri ai commercianti: "Restituiteci quello che avete comprato"

Arancine, cornetti e molti altri prodotti da forno venivano prodotti in uno stabilimento "fantasma" che è stato scoperto dai militari dell'Arma a Comitini

 

Dopo la scoperta e il sequestro di quintali di generi alimentari scaduti, in uno stabilimento "fantasma" - che si occupava della produzione di prodotti dolciari e di rosticceria - a Comitini, i carabinieri lanciano un appello ai commercianti che hanno acquistato i prodotti potenzialmente pericolosi per la salute.  “Siamo alla ricerca – dice, ai microfoni di AgrigentoNotizie, il capitano Lugi Pacifico che è il comandante della compagnia carabinieri di Canicattì -  degli operatori commerciali che si rifornivano in questo stabilimento 'fantasma' ed a loro chiediamo di restituire o di provvedere a distruggere, dandocene notizia, i generi alimentari comprati”.

Scoperto stabilimento dolciario abusivo, sequestrati generi alimentari scaduti e mal conservati: un arresto

Sui potenziali rischi per la salute pubblica, delle materie utilizzare nella produzione dei semi lavoratori che l’azienda forniva ad un’ampia rete di distributori, perlopiù bar, pasticcerie e panifici - nel corso di una conferenza stampa che si è svolta nella caserma “Biagio Pistone” del comando provinciale dell’Arma - si è soffermato anche il tenente colonnello Vincenzo Castronovo, comandante  del centro Anticrimine Natura.

Cassate siciliane, cannoli, cornetti, genovesi ma anche arancine e calzoni, dallo stabilimento 'fantasma' di Comitini finivano sui banconi di decine di esercizi commerciali dell’hinterland agrigentino e non solo.
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento