rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

In carcere ma con il reddito di cittadinanza, due denunce: anche il responsabile di patronato

Secondo le indagini sono stati incassati oltre 9500 euro in un anno e mezzo in piena violazione delle regole previste per il Rdc

Due persone - un 51enne di San Biagio Platani e un 30enne di Casteltermini - sono state denunciate alla Procura di Agrigento per indebita percezione del reddito di cittadinanza. Il primo al momento della presentazione della domanda, era recluso nel carcere di Agrigento e quindi, stando alla normativa, non avrebbe potuto percepire l'emolumento. Era, fra l'altro, impossibilitato a sottoscrivere e presentare la richiesta.

Le indagini dei carabinieri hanno consentito di accertare che la domanda è stata redatta e trasmessa all’Inps di Agrigento dal secondo indagato, responsabile di un patronato Cna di Casteltermini. I reati contestati sono: falsità materiale e truffa aggravata, in concorso, ai danni dello Stato. Fra gennaio 2020 e giugno 2021 sarebbe stato indebitamente percepito oltre 9.500 euro

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In carcere ma con il reddito di cittadinanza, due denunce: anche il responsabile di patronato

AgrigentoNotizie è in caricamento