Braccianti venduti per 3 euro all'ora, le due donne a capo della banda restano in carcere

Il tribunale del riesame conferma l'ordinanza di arresto per le slovacche

Vera Cicakova, slovacca, 59 anni e la figlia Veronika, 37 anni, ritenute a capo dell'organizzazione che avrebbe sfruttato i migranti per 3 euro all’ora, provocando in un caso anche l’aborto di una donna costretta a lavorare in condizioni disumane e senza soste, restano in carcere. Lo ha deciso il tribunale del riesame, al quale si è rivolto il difensore delle due donne, l’avvocato Giovanni Pace, confermando l’ordinanza cautelare emessa dal gip di Agrigento Stefano Zammuto.

Per le due principali indagate dell’operazione “Ponos”, che l’8 novembre ha fatto scattare otto fermi, sono state confermate le accuse di associazione a delinquere, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e sfruttamento del lavoro. Nei giorni precedenti, invece, il riesame ha escluso l’associazione e il favoreggiamento per Rosario Ninfosì, 52 anni, di Palma di Montechiaro e Rosario Burgio, 42 anni, di San Cataldo che avrebbero coordinato l’attività della banda “intrattenendo rapporti con i committenti e i singoli lavoratori”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento