L'operazione anti-caporalato, la Procura vuole sentire le vittime: chiesto incidente probatorio

Secondo il pubblico ministero Gloria Andreoli, i braccianti sfruttati "non hanno punti di riferimento fissi sul territorio nazionale" e potrebbero andare all'estero

"La prova non appare rinviabile al dibattimento" perchè i braccianti agricoli che sarebbero stati sfruttati per 3 euro all'ora in campagna, "sono stranieri e senza stabili punti di riferimento sul territorio nazionale" che potrebbero, quindi, abbandonare.

Con queste motivazioni il pubbico ministero Gloria Andreoli ha chiesto al gip Stefano Zammuto di disporre l'incidente probatorio, una sorta di parentesi del dibattimento nella fase delle indagini, per sentire tre presunti "schiavi" dell'organizzazione, di nazionalità ucraina, in modo da acquisire la testimonianza che, nel caso in cui dovessero lasciare il territorio nazionale, sarebbe impossibile da ottenere al processo.

Il giudice, nei prossimi giorni, deciderà se disporlo. Nel caso di accoglimento, i tre testimoni saranno interrogati in un'udienza - davanti allo stesso giudice - con l'intervento del pm e dei difensori dei nove indagati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

  • Uno dei migliori direttori di McDonald's del mondo è agrigentino, ecco la storia di Pietro Luparello

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento