rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Cronaca

Notte di Capodanno, violati i divieti di esplosione di botti: nessuno però s'è fatto male

Nessuno s'è presentato - per ferite da petardi, né d'arma da fuoco - nei pronto soccorso del "San Giovanni di Dio" di Agrigento, del "Giovanni Paolo II" di Sciacca, del "Fratelli Parlapiano" di Ribera, del "Barone Lombardo" di Canicattì e del "San Giacomo d'Altopasso" di Licata

Non ci sono stati feriti da botti nell'Agrigentino. Contrariamente a quanto accadde lo scorso anno a Licata, quando un ventenne e un sessantenne persero una mano a causa dei botti di fine anno, nella notte di San Silvestro che ha segnato il passaggio al 2022 nessuno - per fortuna - s'è fatto male. Nessuno s'è presentato - per ferite da botti, né d'arma da fuoco - nei pronto soccorso del "San Giovanni di Dio" di Agrigento, del "Giovanni Paolo II" di Sciacca, del "Fratelli Parlapiano" di Ribera, del "Barone Lombardo" di Canicattì e del "San Giacomo d'Altopasso" di Licata. A verificarlo è stata anche la Questura di Agrigento. 

Il divieto di comprare botti e di esploderli - firmato dal sindaco della città capoluogo, ma anche da alcuni suoi colleghi della provincia - è stato violato. Tanto ad Agrigento, quanto nel resto delle città più grandi della provincia, già dal pomeriggio di ieri venivano segnalate file - in alcuni casi interminabili - alle bancarelle che vendevano giochi pirotecnici e botti di varia natura.

Botti che, allo scoccare della mezzanotte, sono stati esplosi. E in alcuni casi anche in maniera massiccia. Non è stata dunque, per niente, una notte "silenziosa" quella che ha fatto lasciare alle spalle il 2021, facendo spazio al 2022.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Notte di Capodanno, violati i divieti di esplosione di botti: nessuno però s'è fatto male

AgrigentoNotizie è in caricamento