"Numerose gravi carenze", fermata una nave liberiana a Porto Empedocle

L’unità dovrà essere sottoposta ai controlli da parte degli ispettori del registro inglese Lloyd Register , responsabile del rilascio della certificazione di sicurezza

Una nave battente bandieria Liberia è stata fermata al Porto di Porto Empedocle. Secondo quanto fa sapere la Capitaneria di Porto. l'imbarcazione, è sottoposta a fermo a causa delle numerose gravi carenze in termini di manutenzione della nave e degli equipaggiamenti e per carenze al sistema di gestione della qualità. Al momento l’unità risulta ancora ferma nel porto di Porto Empedocle, in attesa che vengano ripristinati gli standard minimi per poter essere nuovamente autorizzati a navigare. L’unità dovrà essere sottoposta ai controlli da parte degli ispettori del registro inglese Lloyd Register , responsabile del rilascio della certificazione di sicurezza.

Nel quadro del più ampio progetto di tutela della vita umana in mare e dell’ambiente marino e costiero che vede fortemente impegnato il corpo delle Capitanerie di Porto, gli uomini della Guardia Costiera di Porto Empedocle – Nucleo Port State Control, hanno emanato nella giornata di ieri il provvedimento di fermo ai sensi della Direttiva 2013/38 della comunità Europea recepita dall’ordinamento legislativo italiano carico della nave porta rinfuse denominata “Voge Julie”, giunta nel porto marinese per caricare sale.

Il provvedimento di fermo emanato in data 10 maggio 2019 è stato adottato in quanto l’unità, successivamente ad una ispezione approfondità effettuata dagli ispettori PSC guidati dal  Capitano di Fregata Gennaro Fusco in collaborazione con personale proveniente dalla Capitaneria di Porto di Trapani, risultava essere in condizioni sub-standard secondo le normative internazionali per la sicurezza della navigazione. 

"Giova ricordare che il Nucleo Psc della capitaneria di Porto di Porto Empedocle, guidata dal Capitano di Fregata Gennaro Fusco ha da sempre  profuso notevoli sforzi nella lotta al fenomeno delle “carrette” del mare, ovvero navi sub-standard  che, in difformità delle convenzioni internazionali, navigano con gravissimo rischio per la sicurezza della navigazione e dell’ambiente marino nonché per la sicurezza e per le condizioni di vita delle persone che sulle navi vivono e lavorano. Infatti dopo gli importanti risultati ottenuti nell’anno 2018, che hanno fatto registrare il vivo apprezzamento da parte del Comando Generale delle Capitanerie di Porto, dall’inizio sono già 6 le navi ispezionate dal Nucleo PSC con il 33% di detenzioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • Mancata convalida dell'arresto di Carola Rackete, la Cassazione respinge il ricorso della Procura

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

  • "Sono caduta dalle scale": ferite non compatibili col racconto, avviate indagini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento