rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Il commento

Capitale italiana della cultura 2025, lo scrittore Matteo Collura: “Città esposta a un rischio impietoso”

Da oltre 40 anni vive a Milano ma è rimasto sempre legato alla sua terra d’origine: “Dopo i festeggiamenti ci si renderà conto che ora Agrigento apparirà, sotto i riflettori di una simile promozione, per quello che è”

Un pensiero controcorrente che invita ad un esame di coscienza quello di Matteo Collura, giornalista e scrittore nato ad Agrigento, che ha appreso la notizia dell'assegnazione del titolo di Capitale della cultura 2025 alla sua città di origine mentre si trovava a Milano, dove vive ormai dal 1978. Da uno dei sui libri, “Il gioco delle parti - Vita straordinaria di Luigi Pirandello” (Longanesi, Tea), è tratto il prossimo film di Michele Placido, le cui riprese cominceranno alla fine della prossima estate, dedicato al drammaturgo premio Nobel per la letteratura a quasi 90 anni dalla morte.

“Coloro i quali rappresentano la città di Agrigento, sindaco in testa - ha commentato Collura - ne saranno felici. 

Anche noi. Ma passata la sbornia dei festeggiamenti ci si renderà conto di avere esposto la città a un rischio impietoso: quello di apparire, sotto i riflettori di una simile promozione, per quello che è. Vale a dire una città arretrata, priva di servizi essenziali, assolutamente inadeguata a tenere testa al suo antico passato. 

Fatti i conti, ci sono 20 mesi di tempo per mettere qualche pezza, lavorare sui tanti disservizi. Per farne una città normale prima che capitale della cultura”. 

Capitale italiana della cultura 2025, adesso cosa succede? Il sindaco Miccichè: ”Tocca a noi mutare le sorti del territorio”

Capitale italiana della cultura 2025: ecco le opinioni degli agrigentini

Opportunità di riscatto, ma ora mostriamoci “civili” senza lotte fratricide

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capitale italiana della cultura 2025, lo scrittore Matteo Collura: “Città esposta a un rischio impietoso”

AgrigentoNotizie è in caricamento