Brucia l'auto di una trentenne, le cause non sono ancora chiare

I vigili del fuoco, idranti alla mano, hanno cercato di avere la meglio sulle alte fiamme che avvolgevano l'utilitaria

(foto ARCHIVIO)

Brucia un'autovettura - una Fiat Panda - posteggiata lungo la strada di Cannatello. E' accaduto nella notte fra martedì ed ieri. Era l'una quando l'Sos è stato raccolto dalla centrale operativa dei vigili del fuoco. Nel rione balneare di Agrigento si sono subito precipitati i pompieri del comando provinciale di Villaseta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I vigili del fuoco, idranti alla mano, hanno immediatamente cercato di avere la meglio sulle alte fiamme che avvolgevano l'utilitaria che è di proprietà di una trentenne agrigentina. Sul posto, non c'è stato l'intervento né dei carabinieri, né della polizia di Stato. Quando i pompieri sono riusciti ad avere la meglio sul rogo si sono occupati del sopralluogo per stabilire cosa effettivamente avesse innescato la scintilla iniziale. Non sono state trovate tracce di liquido infiammabile, né taniche sospette. Le cause risultano essere pertanto ancora da accertare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • "La cultura riparte", riapre la Valle dei Templi: ingresso gratis per tutti

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento