"Bracciante agricolo morto schiacciato dal trattore", imprenditore assolto in appello

I giudici ribaltano la sentenza di primo grado con cui erano stati inflitti un anno e quattro mesi di reclusione al datore di lavoro. La vittima - il 60enne Diego Petralito - stava irrigando dei terreni

Foto archivio

Assoluzione perchè il fatto non sussiste: i giudici della Corte di appello di Palermo, ai quali si sono rivolti i difensori, gli avvocati Giuseppe Scozzari e Fabrizio Biondo, hanno ribaltato il verdetto di primo grado e cancellato la condanna a un anno e quattro mesi di reclusione, per l’accusa di omicidio colposo, inflitta a Francesco Cucurullo, 34 anni, accusato di avere provocato la morte di Diego Petralito, 60 anni, bracciante agricolo di Canicattì deceduto il 2 luglio del 2014, all’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta.

L'uomo, le cui condizioni erano apparse da subito disperate, è morto quarantotto ore dopo essere rimasto schiacciato dal suo trattore mentre lavorava nelle campagne di contrada Grottarossa, al confine fra le province di Agrigento e Caltanissetta. L’imputato è il titolare dell’azienda “Associazione agricola Giglio” e aveva ingaggiato Petralito con mansioni di bracciante agricolo. Quel giorno, in particolare, stava lavorando in un grande appezzamento di terreno ed era impegnato in un'attività di irrigazione e fertilizzazione.

Il trattore sopra il quale era seduto si è ribaltato schiacciandolo. Alcune persone che si trovavano poco distanti hanno subito avvisato i soccorsi e, prima ancora che arrivassero, hanno tentato l’impresa di sollevare il trattore per estrarlo e porre fine allo schiacciamento. Dopo pochi minuti Petralito è stato trasportato in elisoccorso all’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta, ritenuto più attrezzato rispetto al Barone Lombardo per il tipo di traumi interni riportati.

La difesa ha sostenuto che il trattorista avesse fatto una manovra non prevista andando autonomamente in un terreno scosceso. La circostanza, secondo quanto è stato sostenuto, non poteva essere addebitata al committente dei lavori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

  • Covid-19, il virus torna a tenere sotto scacco Canicattì: un morto e 35 nuovi positivi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento