Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca Canicattì

Fuoco all'auto di una impresa e di un operaio: avviate le indagini

Pare che potrebbe essere stato utilizzato del liquido infiammabile per appiccare l'incendio alla Alfa Romeo 159 di proprietà di una ditta che si occupa del commercio, all’ingrosso e al dettaglio, di autovetture

Ancora auto a fuoco. Questa volta, a Ravanusa e a Canicattì dove le fiamme hanno, rispettivamente, devastato una Fiat Uno di proprietà di un operaio di 44 anni e una Alfa Romeo 159 di proprietà di una ditta che si occupa del commercio, all’ingrosso e al dettaglio, di autovetture. Delle indagini, in entrambi i casi, si stanno occupando i carabinieri. Pochi – anzi praticamente inesistenti – i dubbi sul fatto che i due diversi attentati incendiari abbiano una matrice dolosa. Non ci sono collegamenti, però, fra i due differenti e misteriosi incendi.

All’alba di ieri, in via Corsello a Canicattì, è stata data alle fiamme alla Alfa Romeo 159 di proprietà della ditta. Non ci sono certezze categoriche, ma pare che potrebbe essere stato utilizzato del liquido infiammabile. Spetterà all’attività investigativa dei carabinieri – che ieri risultava essere ancora in fase embrionale – provare a mettere dei punti fermi e dunque fare chiarezza. Appare scontato che sia stato già sentito il responsabile dell’impresa per provare a capire – è la procedura investigativa ad esigerlo – se abbia o meno dei sospetti o se ha avuto problemi o dissapori con qualcuno. Tanto per Canicattì, quanto per il caso di Ravanusa, è stata informata la Procura della Repubblica di Agrigento.

A Ravanusa, in piazza Gagliano, è andata invece distrutta una vecchia Fiat Punto di proprietà di un operaio di 44 anni. Le cause della scintilla iniziale, anche in questo caso, non sembrerebbero essere affatto chiare. Pare però che i militari dell’Arma della stazione cittadina stiano privilegiando l’ipotesi investigativa di un incendio dalla matrice dolosa. Servirà, anche per questo rogo, del tempo per lasciar progredire le indagini dei carabinieri. Fitto, anzi categorico, per entrambi gli episodi, è il riserbo degli investigatori che non lasciano trapelare nessuna indiscrezione sull’attività investigativa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fuoco all'auto di una impresa e di un operaio: avviate le indagini

AgrigentoNotizie è in caricamento