"Rapinò rivendita di tabacchi", ora deve espiare la pena: 40enne in carcere

La polizia ha dato esecuzione all’ordine di carcerazione emesso dalla Procura delle Repubblica

Un canicattinese dovrà espiare una pena residua di due anni, 10 mesi e 6 giorni di reclusione, oltre al pagamento di mille euro con pena accessoria. Si tratta di T. V., 40enne di Canicattì. I poliziotti del commissariato di Canicattì, coordinati dal vice questore Cesare Castelli, hanno dato esecuzione all’ordine di carcerazione emesso dalla Procura delle Repubblica, hanno accompagnato l’uomo alla casa circondariale di Sciacca.

Il canicattinese si è reso colpevole per “per reiterati reati di rapina in concorso, porto di armi od oggetti atti ad offendere perpetrati ai danni del titolare di un esercizio di rivendita tabacchi". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento